Vasche e accessori per la pulizia ad ultrasuoni: la guida completa di RND

I pulitori a ultrasuoni possono essere utilizzati per pulire praticamente qualsiasi cosa. Sono particolarmente utili per componenti delicati e più complessi che possono essere difficili da pulire a mano. Utilizzati ampiamente in numerosi settori, i serbatoi e gli accessori per la pulizia a ultrasuoni sono ideali per strumenti, aerografi, gioielli, motori, testine di stampa, strumenti, PCB: l’elenco è infinito.

Per produttori, tecnici e ingegneri, le apparecchiature per la pulizia ad ultrasuoni offrono enormi vantaggi che possono massimizzare la longevità e la durata delle parti e garantire che i tempi di fermo siano ridotti con una pulizia efficace.

Come funziona la pulizia ad ultrasuoni?

I pulitori a ultrasuoni funzionano utilizzando un processo denominato cavitazione. Questo è quando il suono ultrasonico viene fatto passare attraverso un liquido, creando milioni di minuscole bolle di cavitazione. Quando combinate con una forte pressione, queste bolle si mescolano attraverso un liquido per rimuovere sporco, olio, ruggine e altri contaminanti dai componenti da pulire e così facendo forniscono risultati di pulizia incredibili.

La maggior parte degli oggetti può essere pulita in una vasca ad ultrasuoni, ma ci sono alcune eccezioni come pietre preziose, alcune plastiche e alcuni componenti elettronici. Prima di utilizzare apparecchiature per la pulizia a ultrasuoni, è importante assicurarsi che gli oggetti siano adatti per tale pulizia.

Come scegliere il miglior pulitore a ultrasuoni per la tua applicazione

I requisiti del tuo pulitore ad ultrasuoni saranno in gran parte determinati dagli oggetti destinati alla pulizia. L’acquisto di apparecchiature per la pulizia a ultrasuoni può essere un investimento piuttosto elevato, quindi è essenziale una ricerca approfondita e una comprensione di come esattamente verrà utilizzata questa apparecchiatura. Ecco alcune considerazioni a cui pensare prima di scegliere il pulitore a ultrasuoni giusto per la tua applicazione:

1. Taglia

La dimensione del pulitore a ultrasuoni è importante per garantire che sia adatto allo scopo e adatto alle parti destinate alla pulizia. Determinare sia la dimensione delle parti che si desidera pulire sia il numero di componenti da pulire prima di scegliere l’attrezzatura. Anche se gli strumenti che si desidera pulire sono di piccole dimensioni, se si dispone di grandi quantità di tali strumenti, sarà necessario un serbatoio del pulitore ad ultrasuoni più grande.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle dimensioni dei cesti in cui verranno conservati gli articoli per la pulizia. È anche importante che gli utenti comprendano la profondità di lavoro del liquido detergente che useranno. Si riferisce alla distanza dalla superficie inferiore interna del cestello alla superficie del liquido in un serbatoio pieno. Le parti spesso devono essere completamente immerse nel liquido quando vengono pulite, quindi è essenziale assicurarsi che ciò sia possibile nel cestello scelto.

2. Destinazione d’uso

Comprendi come verrà utilizzato il pulitore ad ultrasuoni per aiutarti a scegliere l’attrezzatura migliore. Considera le seguenti domande:

  • Che tipo di contaminazione intendi rimuovere?
  • Qual è la composizione dei prodotti da pulire?
  • Come verranno utilizzate le parti dopo la pulizia?
  • Qual è la definizione di “pulito”?

Componenti differenti hanno parametri differenti e quindi i requisiti delle attrezzature per la pulizia varieranno a seconda dell’applicazione. Sia che tu stia rimuovendo il refrigerante dalle parti della macchina, l’inchiostro dai rulli di stampa o il sangue dagli strumenti chirurgici, l’applicazione prevista guiderà la tua scelta. Gli utenti avranno anche bisogno di una soluzione di pulizia compatibile e di una frequenza di pulizia a ultrasuoni, quindi capire come verrà utilizzato il detergente è fondamentale.

3. Frequenza

La frequenza del pulitore ad ultrasuoni virne misurata in kHz. La maggior parte dei pulitori a ultrasuoni funziona tra 35 e 45 kHz, ideale per la maggior parte delle esigenze di pulizia. Tuttavia, per una pulizia grossolana come la rimozione di pasta lucidante o abrasivi per lappatura, una frequenza inferiore di 25 kHz sarà più appropriata.

Più bassa è la frequenza, maggiori saranno le bolle di cavitazione prodotte. Allo stesso modo, frequenze di pulizia ad ultrasuoni più elevate producono bolle più piccole che sono ideali per coprire superfici più delicate. Per elettronica complessa e metalli teneri, le frequenze da 80 a 130 kHz saranno le più adatte.

4. Temperatura

Molte attività di pulizia possono essere eseguite in modo più efficiente e rapido quando si utilizza una soluzione riscaldata. Alcuni pulitori a ultrasuoni hanno riscaldatori controllati da termostato che possono essere regolati per fornire soluzioni riscaldate. Ciò potrebbe essere particolarmente vantaggioso per applicazioni che richiedono la rimozione di oli o in particolare refrigeranti di lavorazione. Vale la pena notare che la pulizia sopra gli 80 ° C diventa meno efficiente poiché la cavitazione viene inibita oltre questa temperatura.

5. Funzioni / modalità aggiuntive

  • Modalità Degas

Le soluzioni per la pulizia a ultrasuoni spesso contengono aria che inibisce la cavitazione. L’aria intrappolata deve essere rimossa e ciò può essere ottenuto in due modi, lasciando che l’attrezzatura funzioni senza carico o utilizzando un pulitore con una modalità di degassamento per risultati più rapidi. Una modalità degasaggio funziona accendendosi e spegnendosi, facendo sì che le bolle d’aria si uniscano, risalgano in superficie e scoppino.

  • Modalità delicata

Con la modalità delicata, la potenza del pulitore ad ultrasuoni viene ridotta del 50% per fornire una pulizia meno aggressiva. Questo è l’ideale per componenti delicati che richiedono una pulizia delicata.

  • Modalità piena potenza

La modalità a piena potenza consente di erogare la sua massima potenza ultrasonica. Questa maggiore pressione e forza fornisce una pulizia aggressiva per oggetti molto sporchi.

Accessori per la pulizia ad ultrasuoni

Gli accessori possono migliorare le prestazioni dei pulitori a ultrasuoni e rendere il processo di pulizia più efficiente.

Esempi di accessori per la pulizia a ultrasuoni includono supporti per anelli, bicchieri e cestini per bicchieri. Questi accessori facilitano i processi di pulizia garantendo che gli oggetti più piccoli siano fissati durante il processo e vengano puliti a fondo.

Perché RND?

I prodotti RND offrono un ottimo rapporto qualità-prezzo senza compromettere la qualità o la conformità. I pulitori a ultrasuoni RND e gli accessori per la pulizia forniscono un processo di pulizia efficace, efficiente e veloce. Di serie, i pulitori RND sono realizzati con serbatoi resistenti in acciaio inossidabile, sono efficienti dal punto di vista energetico e dispongono di timer e controlli della temperatura. Funzionalità come degas, modalità delicata e piena potenza consentono inoltre agli utenti di adattare le proprie apparecchiature di pulizia in base all’uso.

Prodotti consigliati

Cestello per pulizia a ultrasuoni per serbatoio da 2 litri, RND Lab

Compatibile con la vasca di pulizia ad ultrasuoni da 2 litri, questo cestello è un accessorio ideale per ridurre i punti caldi degli ultrasuoni durante il processo di pulizia. Dotati di comode maniglie, gli oggetti possono essere riposizionati in modo facile e sicuro con un cestino.

Serbatoio di pulizia ad ultrasuoni 27l 500W, RND Lab

Questa vasca di pulizia ad ultrasuoni da 27 litri offre temperature fino a 80 ° C, 4 diverse modalità e frequenza ultrasonica di 400 kHz. Il serbatoio da 27 litri fornisce 500 W di potenza e include 10 trasduttori per una pulizia efficace.

Bicchiere per pulizia ad ultrasuoni 500 ml, RND Lab

Ideale per la pulizia di piccoli oggetti come componenti di macchine, gioielli e apparecchiature mediche, questo bicchiere in vetro borosilicato può essere utilizzato sia in laboratori che in ambienti educativi.

Total
0
Shares
Messaggio precedente

Introduzione ad Arduino: una guida per principianti

Messaggio successivo

Cosa c’è da sapere su elementi di fissaggio e rondelle RND

Pubblicazioni simili