5 dispositivi indossabili chiave che aiutano nella lotta contro COVID-19

Se qualcosa di positivo deve venire fuori dalla pandemia COVID-19, √® l’evoluzione e i miglioramenti alla tecnologia medica. La tecnologia indossabile in particolare √® stata in prima linea nella lotta contro COVID-19 e ha sottolineato la sua quasi esitante adozione da parte del pubblico rispetto a la sua popolarit√† nel settore medico Questo articolo evidenzia alcuni di questi dispositivi medici e come vengono utilizzati nel settore medico / sanitario per aiutare a combattere il COVID-19.

Token TraceTogether

Durante la pandemia COVID-19, molti paesi hanno lavorato a un sistema di applicazione di tracciamento dei contatti che pu√≤ aiutare a salvare vite umane avvisando il pubblico quando potrebbe essere entrato in contatto con qualcuno che √® risultato positivo per COVID-19. Questo tipo di applicazioni fare affidamento quasi esclusivamente sull’uso di dispositivi mobili come gli smartphone. Anche se questo √® ottimo e milioni di persone con smartphone possono trarne vantaggio, rischia anche di alienare gli anziani, che non sono esperti di tecnologia come la generazione pi√Ļ giovane. Questo pu√≤ essere problematico quando cercando di proteggere il gruppo target delle persone pi√Ļ vulnerabili, che nel caso di COVID-19 sono gli anziani.

A Singapore, gli sviluppatori dell’applicazione “” TraceTogether “” risolvono questo problema. Hanno identificato che i cittadini anziani sono pi√Ļ socialmente attivi al di fuori delle loro case e hanno cercato di trovare un modo per incoraggiarli pur mantenendoli al sicuro. Prima di introdurre il sistema di tracciamento, il pubblico doveva fornire ai negozi le proprie carte d’identit√† da scansionare per entrare. Sebbene necessario, questo approccio √® stato molto problematico per i negozi in quanto ha portato a code enormi, impedendo il flusso di pedoni e impedendo ad alcuni cittadini di entrare del tutto nel negozio.

La soluzione a questo problema √® stata l’utilizzo della tecnologia Bluetooth a basso consumo energetico, la stessa tecnologia utilizzata nei sistemi di test e tracciamento in tutto il mondo negli smartphone. In questo caso particolare a Singapore, il programma TraceTogether ha sviluppato un cordino che includeva un token Bluetooth a bassa energia con un codice QR sul retro e una durata della batteria fino a nove mesi.


Il dispositivo funziona scambiando segnali Bluetooth con altri token TraceTogether vicini o smartphone che eseguono l’app TraceTogether. Gli utenti vengono avvisati da un addetto alla tracciabilit√† dei contatti se viene rilevato che erano vicini a qualcuno infettato da COVID-19.

Come molti servizi pubblici, TraceTogether ha riscontrato alcune esitazioni iniziali da parte dei cittadini a causa della privacy dei dati. Tuttavia, il governo di Singapore ha dichiarato che tutti i dati raccolti da questi dispositivi sarebbero stati crittografati e conservati all’interno del token per un massimo di 25 giorni.

Pendente Pulse JPL della NASA

Durante la pandemia COVID-19, il messaggio √® stato chiaro: distanza sociale, indossa una maschera, lavati le mani ed evita di toccarti il ‚Äč‚Äčviso. Se pensi alle tue attivit√† quotidiane, ai luoghi in cui vai e alle cose che tocchi, lo farai arrivare a rendersi conto del numero di germi e batteri a cui sei esposto e in questo momento il virus COVID-19 che potrebbe essere in agguato.Per la maggior parte di noi, √® una seconda natura toccare i nostri volti o maschere, e potremmo anche non rendercene conto lo stiamo facendo.

Il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA ha escogitato una soluzione fai-da-te a basso costo a questo problema sotto forma di un ciondolo che indossi al collo chiamato PULSE. PULSE è un dispositivo indossabile stampato in 3D che pulsa o vibra quando la mano di una persona si avvicina al suo viso. Il feedback tattile da un piccolo motore a vibrazione simula un promemoria per chi lo indossa per evitare di toccare il viso e potenzialmente infettarsi. PULSE è una semplice soluzione open source e conveniente a questo problema e può essere facilmente riprodotta da chiunque, indipendentemente dalla propria esperienza. Un elenco di parti stampate in 3D STL è disponibile insieme alle istruzioni di assemblaggio nella loro pagina GitHub. (https://github.com/nasa-jpl/Pulse)

PULSE è costituito dai seguenti componenti:

  • Custodia stampata in 3D
  • Sensore di prossimit√† a infrarossi
  • Motore a vibrazione
  • Interruttore a scorrimento tattile
  • Batteria 3V con supporto


Il ciondolo PULSE viene indossato a 6-12 pollici sotto il mento quando √® fissato con un cordino o una collana. Quando la mano di chi lo indossa si avvicina al viso, il movimento viene rilevato e il motore vibrante viene attivato. Quando la mano si avvicina, la risposta diventa PULSE pu√≤ essere integrato perfettamente nella vita di tutti i giorni non appena le persone iniziano a tornare al lavoro. √ą un’ottima soluzione semplice per tutti, progettata con competenze semplici e componenti a basso costo.

Tracker fitness Fitbit

La sfida pi√Ļ grande nella tecnologia indossabile nel settore sanitario √® convincere gli utenti a condividere i propri dati e a farli analizzare da un sistema di intelligenza artificiale. Altre sfide in questo settore sono l’affidabilit√† e l’accuratezza dei sensori. Potrebbero esserci gravi conseguenze o, peggio, decessi se il il dispositivo √® difettoso o invia falsi allarmi Questa sfida dipender√† in ultima analisi dalla qualit√†, dai test e dall’applicazione della certificazione del settore.

Quasi tutte le societ√† di fitness indossabili come Apple, Google, Garmin, Fitbit, TomTom e Polar raccolgono i dati degli utenti. Questi dati includono le informazioni personali fornite al momento della registrazione a questi servizi e i dati di tracciamento dai sensori dei dispositivi indossabili. Nelle prime fasi della raccolta dei dati, si pensava che questo fosse usato come base per materiale di marketing per promuovere nuovi prodotti e determinare nuove tendenze di fitness. La raccolta dei dati √® una risorsa enorme per qualsiasi azienda e aggiunge un enorme valore di marketing. Fino a poco tempo, questo tipo di dati non era stato utilizzato pensando all’utente finale, a parte la possibilit√† di monitorare le loro attivit√†.

Ora vediamo aziende che analizzano i dati medici degli utenti per prevenire la diffusione di malattie, avvisando gli utenti finali di una potenziale minaccia per la loro salute, in alcuni casi senza alcun sintomo iniziale. Proprio di recente, nell’agosto 2020, FitBit ha prodotto un case study su COVID-19 per vedere se potevano utilizzare i dispositivi Fitbit per rilevare il virus nelle sue fasi iniziali, prevenendone cos√¨ la diffusione e proteggendo i propri cari. Il loro studio mirava a creare un algoritmo per rilevare COVID-19 prima che iniziassero i sintomi iniziali. Il programma aveva oltre 100.000 utenti registrati negli Stati Uniti e in Canada.

Sulla base dei risultati del case study, Fitbit ha rilevato il 50% dei casi di COVID-19 1 giorno prima che l’utente manifestasse i sintomi. Si tratta di informazioni vitali perch√©, come sappiamo, gli utenti possono trasmettere il virus prima di mostrare i sintomi o in alcuni casi non manifestano affatto i sintomi.

La condivisione dei dati degli utenti tra societ√† di ricerca potrebbe essere fondamentale per comprendere i sintomi e la gravit√† di nuovi virus o malattie e per convalidare l’uso della tecnologia indossabile. Tuttavia, √® anche un argomento delicato a causa delle leggi sulla protezione dei dati. Il case study di Fitbit era un programma opt-in ed era completamente anonimo. Gli unici dati registrati erano i dati del sensore dal sensore di frequenza cardiaca. Se aziende come FitBit possono utilizzare e analizzare dati come questo in modo positivo, dovrebbero incoraggiare pi√Ļ persone a partecipare a programmi di ricerca e acquisire maggiore familiarit√† con la condivisione dei dati.

Chairless Chair 

Non c’√® dubbio che il coronavirus stia mettendo a dura prova i servizi sanitari nazionali: medici e infermieri stanno lavorando alla massima capacit√† con personale ridotto. Questo √® stato un problema identificato dall’Unione Europea, insieme al cambiamento demografico e all’invecchiamento della forza lavoro. una sfida nella maggior parte dei settori, ma recentemente √® stata evidenziata attraverso il servizio sanitario, dove i dipendenti trascorrono la maggior parte del loro tempo in piedi spostandosi tra i pazienti.

Noonee √® stata fondata nel 2014 come spin-off del laboratorio di robotica dell’ETH di Zurigo per affrontare questo problema e trovare una soluzione. Il primo prodotto di Noonee, la Chairless Chair, risponde direttamente alle esigenze fisiche dei lavoratori nelle industrie manifatturiere e di trasformazione. Fornisce supporto per la parte bassa della schiena ai lavoratori che normalmente stanno in piedi tutto il giorno e talvolta devono assumere posizioni scomode. La sedia Chairless √® stata progettata specificamente per soddisfare le esigenze di quei lavoratori in termini di usabilit√†, benefici per la salute e accettazione da parte degli utenti, aiutando le aziende a massimizzare i risparmi sui costi relativi ai lavoratori malati o assenti e alle prestazioni fluttuanti.

Monitoraggio cardiaco Vital Connect

COVID-19 has been a burden on many healthcare systems and their workers. Doctors and nurses as well as other front line service workers still need to have face-to-face contact with the public. This is crucial as COVID-19 patients admitted to hospitals need their vitals taken regularly to monitor their progress and health. However, it puts front line healthcare workers at elevated risk of catching the virus and could lead to staff self-isolating at home or suffering worse consequences from the virus. This only adds to the great strain and workload in hospitals.

Vital Connect provides a solution in the form of a Vital Patch, which has been given emergency FDA approval. VitalPatch is a disposable adhesive wearable that can be used for seven days straight. It can track eight vital signs in real-time, such as single-lead ECG, heart rate and heart rate variability, activity and respiratory rate. All this can be tracked within the hospital or at home, significantly reducing face-to-face contact with patients.

COVID-19 presents a myriad of symptoms and clinicians need access to medical devices that allow them to monitor and manage those symptoms in real-time to create the most appropriate treatment plans for each individual.

Dr Joe Roberson, CMO of VitalConnect

Sommario


Qui abbiamo evidenziato solo i 5 migliori indossabili che aiutano la lotta contro COVID-19 e ce ne sono molti altri l√† fuori grazie all’innovazione della tecnologia. Penso che nel corso dei prossimi 5 anni circa vedremo un aumento dell’adozione di dispositivi indossabili sanitari. COVID-19 √® stato bravissimo a sottolineare la necessit√† di dispositivi indossabili negli ospedali e dovrebbe essere distribuito ad altre professioni sanitarie in tutto il sistema sanitario nazionale, comprese le case di cura e le case dei pazienti. 

Total
0
Shares
Messaggio precedente

6 influenti scienziate che stanno cambiando il mondo

Messaggio successivo

L’ascesa del codice QR

Pubblicazioni simili