L’ascesa del codice QR

In un’epoca in cui tutti, dai bambini delle elementari ai pensionati, hanno un telefono cellulare, gli usi dei dispositivi e il modo in cui ci aiutano a interagire con il nostro mondo sono in continua evoluzione. Un’applicazione che ha avuto una recente rinascita durante la pandemia Covid-19 è il codice QR.

Cosa sono i codici QR?

I codici QR, abbreviati da” codici di risposta rapida “, sono quadrati neri disposti in una griglia su uno sfondo bianco che funzionano come codici scansionabili. Possono essere letti dalla maggior parte delle fotocamere degli smartphone e quindi elaborati sul dispositivo.

Un codice QR memorizza le informazioni, che vengono visualizzate sul dispositivo di scansione dopo l’elaborazione. Alcuni tipi di destinazioni comuni nei codici QR sono collegamenti Web, bozze di e-mail, download di applicazioni e avvio di telefonate, sebbene non siano limitati a questi pochi. Questa scansione ed elaborazione funziona tramite il dispositivo di imaging e la successiva correzione degli errori Reed-Solomon, un tipo di codice condiviso da molte tecnologie popolari come CD e dischi Blu-ray.

La storia dei codici QR


I codici QR sono stati progettati per la prima volta nel 1994 per essere utilizzati nell’industria automobilistica giapponese. Masahiro Hara, che lavorava per Denso Wave, stava cercando un modo per tracciare i veicoli durante la produzione che consentisse la scansione dei componenti ad alta velocità. Il design in bianco e nero dei codici era influenzati dai pezzi su una bacheca Go, e proprio come il popolare gioco da tavolo, i codici QR hanno presto guadagnato popolarità.

La diffusione dei codici QR era in larga misura legata alla tecnologia dei telefoni cellulari che ne consentiva la scansione. Nel 2002 è stato rilasciato il primo telefono cellulare che offre la capacità di scansionare ed elaborare codici QR e il pubblico in generale ha potuto beneficiare per la prima volta di questa comoda tecnologia. Tuttavia, la diffusione popolare è stata relativamente lenta e limitata solo ai follower più devoti. Allora era ancora necessario scaricare un’app separata per scansionare i nuovi codici. Ciò è cambiato nel 2017 con il rilascio di iOS 11, un nuovo aggiornamento per il software iPhone. Sul nuovo sistema operativo, l’app della fotocamera dell’iPhone era in grado di scansionare i codici QR, senza più bisogno di app di terze parti.

Pascal Keller, responsabile del team di supporto tecnico presso Distrelec Svizzera, ricorda la lenta diffusione dei codici QR:

Penso che siano diventati per lo più grandi intorno al 2015: era praticamente un dato di fatto che avresti avuto un’app di scansione sul tuo telefono e ricordo di aver scansionato un codice QR su un volantino per scaricare qualcosa. Da quel momento in poi, hai lentamente visto più applicazioni aggiunte, come quando acquisti un nuovo dispositivo, la confezione avrebbe un codice QR che ti ha portato al manuale caricato su Internet. Da allora sono stati piuttosto stabiliti in Svizzera!

Pascal Keller, Distrelec Svizzera

Codici QR durante Covid-19


Alla fine del 2019, i codici QR hanno continuato a essere utili in settori come marketing, affari, istruzione e organizzazioni non profit. Tuttavia, durante la lotta contro Covid-19 dal 2020 in poi, sono stati in grado di fornire funzionalità davvero uniche che aiutano tutti a rimanere sicuro.

Erik Skogly, Country Sales Manager presso Elfa Distrelec Norvegia, ha notato questa nuova tendenza:

Per quanto mi riguarda, almeno fino a un paio di anni fa, i codici QR erano qualcosa che non veniva utilizzato dai norvegesi. Ma nel febbraio 2020, quando la pandemia globale ha iniziato a crescere, aziende, medici, ospedali e altro hanno iniziato ad adottarli come mezzo senza contatto per fornire informazioni. Li ho visti usati nei ristoranti per sostituire i menu e per effettuare il check-in a scopo di monitoraggio, negli ospedali e negli studi medici per registrare la tua visita: l’uso pratico e facile del codice QR lo rende un ottimo strumento per tutti. Sarà molto interessante vedere dove andranno a finire questi codici!

Erik Skogly, Elfa Distrelec Norvegia

E in effetti, gli usi dei codici QR durante la pandemia sono stati vari. In Canada, la Vancouver Art Gallery li sta usando per fornire copie della Guida per i visitatori della galleria, Shanghai sta adottando i codici QR per migliorare la sicurezza e supportare la gestione delle emergenze negli ascensori e negli Stati Uniti, Walmart è abilitare i pagamenti tramite codice QR. Sono stati un grande fattore di distanziamento sociale, aiutando le persone a evitare contatti non necessari con gli altri e riducendo al minimo il contatto con le superfici condivise.

Il loro maggiore utilizzo è stato ovvio: in un studio condotto da MobileIron, il 47% degli intervistati ha notato un aumento dell’uso del codice QR durante la pandemia. Tuttavia, questa maggiore dipendenza dai codici QR apre alcune domande sulla loro sicurezza.

Sicurezza del codice QR


Come sappiamo, un codice QR è costruito utilizzando una matrice quadrata con punti pixelati. Ciò significa che un codice QR, una volta creato, non può essere violato: la tecnologia del codice QR non è di per sé un rischio per la sicurezza. Tuttavia, come qualsiasi sito web o tecnologia , I codici QR possono essere dannosi quando non provengono da un mittente affidabile. MobileIron ha rilevato che, mentre il 69% degli intervistati è sicuro di distinguere un URL dannoso, solo il 37% degli intervistati pensa di essere in grado di distinguere un codice QR dannoso . Questo mette gli utenti a rischio di tre tipi principali di attacchi informatici: phishing, distribuzione di software dannoso e puntamento a siti Web dannosi. Questi attacchi vengono eseguiti principalmente creando poster falsi che includono codici QR o attaccando adesivi con codici QR dannosi su codici QR legittimi trovati su poster in luoghi pubblici.

Gli utenti possono proteggersi al meglio da questi tipi di attacchi essendo vigili: controlla i codici QR adesivi, non fornire informazioni personali o di accesso per evitare il phishing e guarda gli URL prima di procedere. Esistono anche app per la sicurezza dei codici QR come Norton Snap che agiscono come scanner di codici QR con funzionalità di sicurezza integrate, proteggendoti da tutti i tipi di attacchi informatici tramite codice QR.

Il futuro dei codici QR


Sebbene i codici QR siano stati istituiti per molti anni, la pandemia Covid-19 ha evidenziato quanto sia utile la tecnologia nella vita di tutti i giorni. Nello studio condotto da MobileIron, oltre il 58% degli intervistati desiderava vedere i codici QR utilizzati in modo più ampio in futuro e le autorità e le aziende sono balzate sul carro per trarre vantaggio dalla comoda tecnologia. Man mano che i nostri telefoni cellulari e altri dispositivi si evolvono ulteriormente, possiamo sicuramente aspettarci molte nuove ed entusiasmanti applicazioni per i codici QR.

Total
0
Shares
Messaggio precedente

5 dispositivi indossabili chiave che aiutano nella lotta contro COVID-19

Messaggio successivo

Tutto quello che devi sapere sull’estrazione dei fumi sul posto di lavoro

Pubblicazioni simili