Può il gas essere una tecnologia di transizione verso la neutralità climatica?

Il petrolio e il gas sono i settori più importanti e più grandi dell’economia globale, soprattutto per i principali produttori come gli Stati Uniti, la Russia, l’Arabia Saudita e la Cina. Purtroppo, però, alcuni eventi sulla scena internazionale stanno mettendo in pericolo il settore.  

L’invasione russa dell’Ucraina crea incertezza per l’industria del gas in Europa e in Asia, infatti, è già stata causa di aumenti dei prezzi e di preoccupazioni per i mercati del gas naturale. Mentre l’Europa progetta di vietare tutti gli acquisti di petrolio russo, come riporta la BBC News. , il blocco delle importazioni di gas russo è ancora una questione da definire tra i Paesi dell’UE.

Secondo ,l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE), per raggiungere i livelli dello Scenario per lo zero netto entro il 2050, le centrali elettriche a gas esistenti dovranno sempre più essere modificate con CCUS (Carbon, capture, utilisation and storage) o co-combustione con combustibili a basso contenuto di carbonio come l’idrogeno. Per cambiare l’economia energetica, gli investitori e le aziende che vogliono entrare nel mercato devono cercare soluzioni per decarbonizzare il mondo con gli strumenti e le strategie giuste.

Il ruolo del gas in un’economia sostenibile

È chiaro che il gas e il petrolio giocano un ruolo fondamentale nella transizione energetica e nelle altre fonti di energia rinnovabile. Il passaggio alla neutralità climatica e all’abbandono del carbone sta portando in primo piano il gas naturale e il GNL (Gas Naturale Liquefatto), pertanto, i produttori di gas e petrolio sono sottoposti a pressioni per adattarsi ai cambiamenti e perseguire gli obiettivi di decarbonizzazione sia da parte dei politici che degli investitori. La crisi dell’offerta e l’aumento dei prezzi, inoltre, hanno contribuito alla difficoltà di transizione verso soluzioni più sostenibili.

L’uso di gas e petrolio nei trasporti ha creato e continuerà a creare una domanda petrolchimica. Secondo l’AIE, i prodotti petrolchimici rappresentano oggi il 14% della domanda globale di petrolio e l’8% di quella del gas. 

Secondo McKinsey, la domanda globale di combustibili fossili raggiungerà il picco tra il 2023-2025; il petrolio dovrebbe raggiungere il picco tra 5 anni, mentre il gas rimarrà il combustibile fossile più resistente. 

Energia da biocarburante, centrale elettrica a biocarburante in un grafico isometrico.

Per raggiungere obiettivi più ambiziosi di riduzione del 30-50% dell’intensità delle emissioni – o anche di più – gli operatori dovranno investire per spostare il consumo di energia, tipicamente verso l’elettrificazione delle operazioni collegata alla generazione rinnovabile o, in alcuni casi, all’uso di biocarburanti/biomasse.

Consiglio atlantico,Leading Oil and Gas into a Net-Zero World

Tecnologie a basse emissioni di carbonio per il riscaldamento

Nonostante gli ostacoli, l’integrazione di nuove tecnologie a basso contenuto di carbonio è fondamentale per ridurre le emissioni di CO2 o per raggiungere un’impronta di carbonio pari a zero. Le alternative per il riscaldamento esistono e le industrie del petrolio e del gas dovrebbero concentrarsi su queste tecnologie.

Nuove tecnologie utilizzate per riscaldare edifici e case:

  • Riscaldamento a biomassa
  • Caldaie a gas efficienti
  • Riscaldamento solare dell’acqua
  • Turbine eoliche
  • Pompe di calore ad aria
  • Fotovoltaico (PV)
  • CHP – Combinazione di calore ed energia

Multimetri a pinza

Le alternative sono fondamentali per creare ambienti più sostenibili. Un sostituto per il riscaldamento degli edifici è rappresentato, ad esempio, dalle efficienti caldaie a gas. Le caldaie “ecologiche” continuano a fornire alle famiglie il riscaldamento centrale e l’acqua calda, ma producono emissioni basse o nulle durante la produzione e il funzionamento. 

I misuratori a pinza forniscono misure per i sistemi di caldaie HVAC, tra gli altri. Con Fluke Connect, è possibile collegare il misuratore e acquisire le misure in modalità wireless. È uno strumento perfetto per i tecnici HVAC, disponibile presso il nostro webshop Distrelec.

Pressacavi

Nelle condizioni estreme dell’industria petrolifera e del gas, i prodotti a base di cavi e fili forniscono prestazioni di rete stabili e trasferimento di energia. I pressacavi sono essenziali per proteggere l’ambiente, soprattutto nelle aree più difficili. Per saperne di più sulla gestione dei cavi, leggete qui.

Scoprite i pressacavi di Atex in diverse dimensioni, colori e forme disponibili presso Distrelec.

La digitalizzazione dell’industria petrolifera e del gas

L’esplorazione, la produzione, il trasporto, lo stoccaggio, la raffinazione e la distribuzione sono tutti aspetti del settore del petrolio e del gas. Di conseguenza, tecnologie come l’idrogeno pulito, l’energia solare, l’utilizzo e lo sviluppo dello stoccaggio sono importanti per la transizione. Tuttavia, il passaggio è possibile anche con i macchinari, gli strumenti e i mezzi giusti.

Tuttavia, oltre a investire nelle riserve e nelle fonti di energia rinnovabili, è possibile migliorare i propri impianti concentrandosi sulla digitalizzazione. La digitalizzazione delle industrie del petrolio e del gas significa che apparecchiature come strumenti di processo, analizzatori di gas e motori possono inviare e ricevere dati, aumentando la trasparenza dell’impianto e fornendo agli operatori informazioni vitali per prendere decisioni ben informate. 

La trasformazione delle industrie del gas e del petrolio è possibile con le soluzioni, la strumentazione e gli strumenti giusti, come le applicazioni basate su cloud, la cybersecurity e l’ottimizzazione delle operazioni.

Ottimizzazione del funzionamento in tempo reale

Il monitoraggio del processo produttivo in tempo reale è possibile con l’ottimizzazione della produzione dei campi petroliferi integrata da pozzo a impianto. L’ottimizzazione della rete del gas multisito consente soluzioni di gestione, analisi e visualizzazione integrate. L’ottimizzazione delle operazioni di GNL consente di ridurre le emissioni e il consumo di energia.

Controller a logica programmabile

Un’apparecchiatura indubbiamente molto utile è rappresentata dai controllori logici programmabili (PLC), che consentono un semplice monitoraggio e controllo anche tramite messaggi di testo. Un PLC è un sistema di controllo per il settore petrolifero e del gas composto da ingressi e uscite analogiche e digitali, nonché da un modulo di alimentazione e di elaborazione. I sistemi di controllo dei processi, gli alimentatori e i controllori sono tutti automatizzati. Per saperne di più, leggete qui.

Il monitoraggio dell’energia (contatori elettrici, contatori di energia e contatori di potenza con software di monitoraggio) fornisce i dati necessari per prendere decisioni informate e proattive che riducono al minimo le spese operative e migliorano le prestazioni della struttura. Oggi le persone comprendono l’importanza di ridurre i consumi energetici e di diventare un’azienda più sostenibile. Per questo motivo, i contatori di energia sicuri e affidabili consentono un monitoraggio completo dell’energia.

Contatori di energia

Un contatore elettrico, spesso noto come contatore di energia, è un dispositivo che misura l’intera quantità di energia utilizzata da un’apparecchiatura alimentata elettricamente, da un’area inquilina o da una struttura. Le aziende di servizi pubblici utilizzano i contatori elettrici per misurare l’esatta quantità di energia erogata ai clienti, accelerando così il processo di fatturazione. Tra i vantaggi dell’utilizzo di misuratori elettrici di qualità vi sono la riduzione del fattore e delle penalizzazioni sulla domanda, il monitoraggio approfondito della qualità dell’energia e l’aumento dell’efficienza energetica.

Contatori di energia, PowerLogic, Schneider Electric

Misuratori di energia, SENTRON, Siemens

Software e piattaforme

Le piattaforme software di ingegneria impiantistica e di simulazione monitorano e visualizzano lo stato di più sistemi di azionamento, visualizzano le tendenze e gli avvisi di errore e forniscono rapporti. Nelle aziende del settore petrolifero e del gas, il software assiste nell’esplorazione e nella gestione dei dati dei pozzi, dei macchinari e dei terminali.

EcoStruxure Power è una piattaforma che digitalizza e semplifica i sistemi di distribuzione elettrica. Grazie a soluzioni di distribuzione elettrica connesse e cyber-resistenti, il personale operativo delle strutture riceve dati utilizzabili per migliorare le decisioni che contribuiscono alla protezione delle persone, alla sicurezza dei beni e alla massimizzazione della continuità operativa e delle prestazioni.

Il video mostra come l’architettura di sistema IoT di Schneider Electric, la piattaforma EcoStruxure, connetta tutto all’interno dell’azienda.

Test e misure nelle industrie del petrolio e del gas

I test e le misurazioni di gas e petrolio vengono eseguiti per vari scopi. Gli strumenti, come i rilevatori di gas o gli analizzatori di gas, sono importanti per rilevare la presenza di gas nelle aree e identificare potenziali perdite di gas. Distrelec fornisce un’ampia gamma di rilevatori.

Analizzatori di gas e rilevatori di perdite

I rilevatori di gas sono eccellenti per individuare la fonte di una perdita, con alcune versioni in grado di rintracciare le perdite in tubazioni invisibili o incassate. Le caratteristiche richieste, come i tipi di allarme, il sensore e i criteri di calibrazione, determinano il livello del rilevatore di fughe di gas.

Il display di tendenza indica le perdite più significative e aiuta a individuare le perdite. I rilevatori di perdite sono test di tenuta rapidi e accurati. Vengono rilevati tutti i refrigeranti più comuni. Il sistema viene costantemente controllato e visualizza eventuali difetti o problemi. Alcuni rilevatori di gas sono in grado di identificare e localizzare rapidamente le perdite di gas.

Rilevatori di perdite di refrigerante, Testo

Rilevatore di gas combustibili, Extech Instruments

Immagini termiche

La termografia fissa consente agli utenti di identificare i punti caldi pericolosi nel carbone e nella biomassa. Le termocamere consentono il monitoraggio continuo della biomassa. Con il rilevamento precoce degli incendi IIoT nelle telecamere interferite, gli utenti possono prevenire le condizioni che portano a un incendio o ad altri problemi gravi. Le termocamere per gas sono telecamere termiche altamente specializzate, filtrate per visualizzare le emissioni di gas specifici.

Thermal Imager, Hikimicro

Thermal Imager, Hikimicro

Imaging termico, Hikimicro

FAQs 

Ma il gas è neutrale rispetto alle emissioni di anidride carbonica?
La neutralità del carbonio implica che le iniziative di compensazione del carbonio verificate compensano le emissioni prodotte dall’uso del gas naturale per riscaldare la vostra casa. Il carburante a zero emissioni di gas serra non ha un’impronta di carbonio. 

Perché il gas naturale è considerato energia di transizione?
Il gas naturale si distingue come combustibile di transizione perché è più conveniente delle tecnologie rinnovabili emergenti e presenta livelli di inquinamento inferiori rispetto ad altri combustibili fossili.

La neutralità del carbonio entro il 2050 può bastare?
Le tecnologie aiutano ad accelerare la transizione, ma alcuni Paesi sono ancora indietro. Secondo quanto riportato dal World Economic Forum, il mondo può raggiungere le emissioni zero nette entro il 2050, ma solo attraverso  cambiamenti significativi. Se si vuole mantenere il riscaldamento globale entro 1,5 gradi Celsius al di sopra dei livelli preindustriali, è necessario garantire che non venga immesso nell’atmosfera più CO2 di quanto ne venga rimosso. Gli esperti ritengono che, se ciò avverrà, le grandi ondate di calore, la siccità e le inondazioni saranno meno probabili entro la fine del secolo. 

Il gas naturale è dannoso per il cambiamento climatico?
Il gas naturale è un combustibile fossile, ma le sue emissioni di riscaldamento globale sono sostanzialmente inferiori a quelle prodotte dalla combustione di carbone o petrolio. Secondo la Union of Concerned Scientists, quando viene bruciato in una moderna ed efficiente centrale elettrica a gas naturale, il gas naturale produce dal 50% al 60% in meno di anidride carbonica (CO2) rispetto alle emissioni di una tipica nuova centrale a carbone.

Riusciranno i prezzi del petrolio e del gas a scendere?
L’attuale situazione mondiale – prima la pandemia e poi la mancanza di forniture aggiuntive dalla Russia – ha contribuito all’aumento dei prezzi di gas ed elettricità. Inoltre, le stazioni di servizio al dettaglio trasferiscono questi prezzi più alti ai clienti e spesso hanno  pochi incentivi competitivi per abbassare i prezzi troppo velocemente anche se il prezzo del petrolio scende. Tuttavia, si prevede che il prezzo elevato del carburante possa diminuire con la crescita dei veicoli elettrici.

Quanto gas e petrolio vengono esportati dalla Russia? 
Secondo i dati del World Economic Forum dell’aprile di quest’anno, la Russia esporta 2,85 milioni di barili al giorno di prodotti petroliferi, di cui 1,1 milioni di barili di gasolio, 650.000 barili di olio combustibile e mezzo milione di barili al giorno di nafta, e 280.000 barili al giorno di gasolio sotto vuoto.

Il riscaldamento a gas sarà vietato?
I governi di tutto il mondo stanno introducendo nuove leggi, come il divieto di utilizzare alternative a basso contenuto di carbonio per il riscaldamento delle caldaie a gas e a gasolio. L’attuazione di tali cambiamenti è prevista a partire dal 2025.  

Quando finiranno i combustibili fossili?
Secondo diverse stime (American Petroleum Institute del 1999 e Cambridge Energy Research Associates del 2006), sembrerebbe che il combustibile non si esaurirà nell’arco della nostra vita, tuttavia, se non agiamo, i nostri nipoti potrebbero trovarsi ad affrontare questo problema.

Quando cesserà l’uso del gas?
Alcuni Paesi stanno introducendo il divieto di utilizzare caldaie a gas entro il 2025. È difficile però prevedere quando (e se) le persone smetteranno di utilizzare questa fonte. Poiché la realtà continua a cambiare, prima o poi potrebbe finire ( magari non in questo secolo, ma in futuro). Investire in nuove tecnologie a basse emissioni di carbonio può essere d’aiuto, poiché le alternative sono fondamentali per creare ambienti più sostenibili.

Cosa sono i prodotti petrolchimici?
I prodotti petrolchimici sono un gruppo di composti chimici derivati da combustibili fossili come il gas naturale e il petrolio. Vengono utilizzati per fabbricare migliaia di prodotti che le persone usano ogni giorno, tra cui vestiti, plastica, medicine, cosmetici, mobili, elettronica, ma sono anche necessari per produrre turbine eoliche, pannelli solari e parte dei veicoli elettrici.

Total
0
Shares
Messaggio precedente

L’ascesa dell’Internet delle cose – Posti di lavoro

Messaggio successivo

Mettitevi alla prova con il primo Quiz “Grandi menti” di Würth Elektronik

Pubblicazioni simili