Q&A di Distrelec con Alpha Wire

Omar Qayyum, Product Manger di Alpha Wire

Omar è Product Manager di Alpha Wire sin dal 2019. Con una formazione ingegneristica, Omar si concentra sul sostegno delle iniziative di innovazione e ricerca e sviluppo dell’azienda per rispondere alle sfide in continua evoluzione dei mercati in cui opera.

1.Chi è Alpha Wire e cosa produce?

Da oltre 100 anni, Alpha Wire sviluppa soluzioni per la gestione di fili, cavi e conduttori progettate per offrire prestazioni e affidabilità superiori nei mercati più esigenti, tra cui l’automazione industriale, la produzione di semiconduttori, i dispositivi medici e altro ancora. Fondata nel 1922, l’azienda ha sedi produttive a Carson, in California, e a Leominster, nel Massachusetts, oltre a cinque uffici commerciali in tutto il mondo.

2. Per quali applicazioni e soluzioni sono adatti i prodotti Alpha Wire?

  • Automazione industriale – Automazione della produzione, centri di evasione degli ordini/magazzino, movimentazione dei materiali, alimenti e bevande, industria mineraria
  • Medicale – Imaging, diagnostica, strumentazione
  • Semiconduttori – Deposizione, incisione, manipolazione dei wafer, ispezione e test
  • Aerospaziale e difesa – Veicoli, comunicazioni tattiche, acquisizione e tracciamento di bersagli
  • Elettronica di consumo – Illuminazione (LED, architetturale), veicoli mobili, elettrodomestici
  • Energia – Energia alternativa, energia ecologica, generazione convenzionale, trasmissione e distribuzione, petrolio e gas

3. Che consiglio darebbe agli aspiranti ingegneri e a chi vuole lavorare nel settore?

Essere sempre al passo con l’innovazione. Il mercato è in continua evoluzione e l’innovazione è fondamentale per rimanere rilevanti. Inoltre, bisogna concentrarsi sul miglioramento continuo. Imparate dalle prestazioni dei prodotti che avete sul mercato e utilizzate questo feedback per continuare a innovare.

4. Quali sono le principali difficoltá dello sviluppo e dell’implementazione di applicazioni in questo genere di ambienti?

Alcune delle sfide che i nostri clienti devono affrontare comprendono l’installazione complessa, le applicazioni a movimento continuo che richiedono un cavo ad alta flessibilità e un involucro di progettazione limitato. A causa dei mercati in cui operiamo, c’è spesso il rischio di esposizione a oli, abrasioni, raggi solari/UV e fiamme. Inoltre, i nostri clienti hanno spesso requisiti specifici per quanto riguarda l’impatto ambientale delle loro attività, tra cui la richiesta di cavi a bassa emissione di fumi e senza alogeni, la riciclabilità e i materiali privi di ftalati.

XG Flex TPE 4. Fonte: Alpha Wire

Una sfida che si presenta è che un ingegnere potrebbe non essere in grado di trovare un cavo attualmente sul mercato che soddisfi i suoi requisiti. Alpha Wire dispone di un solido processo di progettazione di cavi personalizzati, in cui i nostri ingegneri collaborano direttamente con il cliente per sviluppare una soluzione che soddisfi tutti i suoi requisiti di progettazione, comprese le specifiche ambientali e normative. Oltre alle nostre ampie capacità di progettazione di cavi personalizzati, abbiamo anche quantitativi minimi d’ordine ridotti per i prototipi.

5. A quali nuovi prodotti e tecnologie sta lavorando Alpha Wire? Quali sono le aree chiave dell’innovazione con questi prodotti?

Di recente abbiamo rilanciato la nostra gamma di fili di collegamento ThermoThin, caratterizzata da una struttura eccezionalmente piccola e leggera e progettata per resistere a temperature estreme. Stiamo anche guardando al prossimo lancio dei nostri prodotti ThermoThin Multiconductor, anch’essi resistenti alle alte temperature e dotati di un materiale alternativo al PTFE.

La nostra famiglia Metric EcoWire® è più piccola del 45% e più leggera del 40% rispetto alle alternative in PVC da 600 V ed è riciclabile al 100%.

Un esempio di filo ecologico di Alpha Wire. Fonte: Alpha Wire

Recentemente abbiamo anche introdotto delle estensioni alla nostra famiglia di prodotti XtraGuard. Questi includono i cavi XtraGuard Flex TPE, che sono classificati per 1 milione di cicli di flessione, e i nostri cavi flessibili Xtra-Guard® Industrial Ethernet, che sono classificati per un minimo di 10 milioni di cicli di flessione continua e 3 milioni di cicli di flessione torsionale.

Ora offriamo anche opzioni di cavi coassiali non magnetici, che garantiscono una migliore trasmissione del segnale con una distorsione minima, gestendo frequenze più elevate.

Stiamo inoltre preparando il lancio della nostra linea MultiFlex Mini, che supporta gli OEM di robotica e robot collaborativi che devono affrontare vincoli di spazio/peso e complessi movimenti di flessione continua in ambienti difficili.

6. Di cosa è entusiasta Alpha Wire nel 2022?

Quest’anno siamo orgogliosi di festeggiare il nostro 100° anniversario. Alpha Wire è stata fondata nel 1922 come fornitore di cavi industriali. Da allora, l’azienda si è innovata per fornire prodotti con fili e cavi ad alte prestazioni a una serie di settori, dagli albori della radio e della televisione, all’elettronica di difesa durante la Seconda Guerra Mondiale, fino alle soluzioni odierne per varie applicazioni complesse. Siamo orgogliosi di festeggiare 100 anni di eccellenza nella competenza dei prodotti e nell’assistenza ai clienti.

7. Perché i nostri clienti dovrebbero investire nei vostri prodotti e cosa li distingue dalla concorrenza?

Ciò che contraddistingue Alpha Wire è la capacità di soddisfare le esigenze dei produttori di apparecchiature di fascia alta e dei fornitori di soluzioni di automazione. Abbiamo un’ampia offerta di prodotti, con oltre 24.000 codici standard. Offriamo quantità minime d’ordine per la maggior parte del nostro portfolio standard. Inoltre, disponiamo di un solido team di ricerca e sviluppo con ingegneri che collaborano con i clienti per progettare soluzioni di cavi personalizzate che soddisfino i requisiti delle loro applicazioni.

Esempi di cavi personalizzati prodotti da Alpha Wire. Fonte: Alpha Wire
Total
0
Shares
Messaggio precedente

Le microgrid e il loro ruolo nel garantire la futura autonomia energetica

Messaggio successivo

Embedded World 2022 –  Resoconto di Distrelec sull’ evento 

Pubblicazioni simili