Rivoluzione PI nell’IoT industriale: Un’intervista con Nicolai Buchwitz di Kunbus

Nicolai Buchwitz Qualifica professionale: Product Owner della famiglia di prodotti Revolution Pi di KUNBUS Nicolai Buchwitz nel mese di ottobre 2021 è passato a KUNBUS come Responsabile di prodotto per la famiglia dei prodotti Revolution Pi. Essendo un utente di lunga data, conosce molto bene le ampie possibilità del RevPi. In passato, ha realizzato molti progetti industriali con il Revolution Pi, come il monitoraggio della disponibilità europea per le stazioni di rifornimento H2.

1. In che modo KUNBUS è coinvolta nell’industria IIoT?

Con la “Revolution Pi”, abbiamo creato moduli per la tecnologia dell’automazione basati sul Raspberry Pi. Questa piattaforma hardware modulare e open-source comprende dispositivi flessibili, di livello industriale e convenienti per implementare un’ampia varietà di progetti di automazione e IIoT. Supportiamo i nostri clienti nel collegare in rete le loro macchine, i sistemi e gli impianti. Con i nostri dispositivi, è possibile ricevere, memorizzare, elaborare e inviare dati e aumentare in modo sostenibile la produttività e la redditività.

2. Quali sono, secondo voi, i fattori chiave per far progredire questo settore?

Nel contesto di Industria 4.0 e IIoT, le richieste a livello di controllo stanno cambiando drasticamente. Da un lato, la domanda di controllori decentralizzati sta aumentando fortemente, e dall’altro, applicazioni completamente diverse vengono gradualmente integrate in reti di livello superiore. Le soluzioni decentralizzate stanno diventando sempre più importanti e stanno aumentando notevolmente la domanda di controllori economici, scalabili e di livello industriale, nonché di nodi intelligenti, ad esempio per collegare i dispositivi a un cloud. La libera connettività è un requisito fondamentale per le soluzioni decentralizzate. I sistemi chiusi non offrono questa accessibilità e impediscono soluzioni veloci e convenienti per sistemi o controller esistenti. Con lo sviluppo del Revolution Pi, abbiamo reso omaggio alla domanda di open source. Sia l’hardware della base e dei moduli I/O che il software del Revolution Pi sono open source.

3. Quali sono i vantaggi concreti per gli utenti del Revolution Pi?

Da un lato, il RevPi può essere usato in modo molto flessibile in molte applicazioni diverse. Dall’altro lato, forniamo molti moduli di espansione, come moduli I/O analogici e digitali e gateway per bus di campo. L’utente beneficia anche, come già sottolineato, dell’apertura del sistema. Egli può usare per esempio il sistema operativo (OS) fornito o sviluppare e installare il proprio sistema – quasi ogni OS può essere installato su una base ARM o Raspberry Pi. L’OS fornito è basato su quello della Raspberry Pi Foundation. Supportiamo anche i clienti nell’esecuzione delle proprie applicazioni sul RevPi. Così, gli utenti che hanno fatto prototipazione rapida su un classico Raspberry Pi possono portare i loro progetti molto facilmente al RevPi e quindi all’industria.

Anche gli schemi elettrici dei nostri moduli sono liberamente accessibili sulla nostra homepage. Cerchiamo anche di integrare patch importanti già durante la compilazione del sistema operativo. Inoltre, c’è il nostro forum della comunità, dove sia i nostri sviluppatori che il nostro supporto leggono e aiutano i clienti a sviluppare le proprie soluzioni. Per i clienti ad alto volume o gli OEM, offriamo di creare un’immagine software personalizzata durante la produzione e di adattare l’esterno del dispositivo alla propria identità aziendale. Grazie al software CODESYS, i nostri modelli RevPi possono persino essere utilizzati come PLC.

4. Quali novità possiamo aspettarci nel 2022?

Il Revolution Pi 4, basato sulla CM 4 della Raspberry Pi Foundation, dovrebbe essere lanciato alla fine del 2022. Le novità più importanti sono la CPU più potente e la RAM più grande. Questo è particolarmente interessante per le applicazioni di edge computing. Il RevPi 4 sarà disponibile in diverse versioni con fino a 8 GB di memoria RAM. Offriremo anche la possibilità di WLAN nativa, così come un’interfaccia Gigabit Ethernet (GbE).

5. C’è un determinato target a cui vi rivolgete con il RevPi?

Il nostro target va dalle classiche aziende di automazione che vogliono implementare un sistema di controllo con CODESYS agli sviluppatori di applicazioni che, per esempio, stanno costruendo un serbatoio di idrogeno o colonne di ricarica elettrica. Inoltre, ci sono sempre più aziende IT classiche che hanno bisogno di collegare il loro software con sistemi fisici.

6. Quali sono, secondo voi, gli aspetti più impegnativi del lavoro in questo settore?

Nell’ambito dello sviluppo dell’hardware, l’allocazione ci causa delle sfide. Per i nuovi test e progetti, siamo quindi sempre dipendenti dai tempi di consegna attuali. Anche se ci impegniamo per un determinato chip durante lo sviluppo, non possiamo sempre garantire che sarà disponibile al momento della produzione.

Al contrario, lo sviluppo del software è raramente limitato dal mercato. Qui, la situazione delle assunzioni sta causando sempre più problemi. Dall’inizio della pandemia, il mercato del lavoro si è un po’ spostato, dato che sempre più aziende offrono l’opzione del lavoro da casa. Questo rende più difficile per noi crescere, perché ora siamo in concorrenza molto più grande con le grandi aziende.

7. Come pensate che siano stati affrontati i problemi di sicurezza?

Il concetto di sicurezza globale è particolarmente importante per KUNBUS, perché il RevPi deve essere il più flessibile possibile ed essere in grado di funzionare per una varietà di applicazioni, senza che sia necessario conoscere in dettaglio i rispettivi campi di applicazione dei nostri clienti. Per esempio, i nostri clienti possono sviluppare la propria immagine per le applicazioni. Cosa faccia esattamente il loro software, si può soltanto indovinare, senza saperlo con esattezza. In termini di sicurezza del software, traiamo un grande vantaggio dal fatto che la nostra immagine si basa sul popolare raspberry pi OS, il che assicura la fornitura di aggiornamenti software critici nel modo più veloce possibile.

8. Le aziende che investono in soluzioni IIoT possono essere costose se non fatte bene, che livello di supporto offrite ai vostri clienti nell’adozione delle vostre soluzioni?

Se scegliete Revolution Pi come hardware standard, possiamo personalizzare e produrre moduli su misura. I nostri clienti possono concentrarsi sulla loro attività principale al centro delle loro competenze e non vengono distratti dallo sviluppo dell’hardware che richiede tempo. La loro soluzione arriva sul mercato più velocemente senza investire grandi somme nello sviluppo dell’hardware. Poiché l’etichettatura e la personalizzazione del marchio è sempre una questione complessa, i dettagli devono essere chiariti individualmente con il nostro team di vendita. Un team di esperti interdisciplinari si assicura che i nostri clienti ricevano il miglior supporto possibile. Oltre al nostro team di supporto siamo orgogliosi di avere la nostra community di forum revolution pi, dove clienti ed esperti IoT condividono le loro esperienze e conoscenze.

9. Quale pensi che sarà il focus principale dell’IIoT nei prossimi due anni?

A nostro avviso, la tendenza open-source continua a diffondersi. Per esempio, le aziende di software classico sono alla ricerca di piattaforme per spostare le loro applicazioni dalle architetture cloud all’edge per avvicinarsi di più al cliente. Inoltre, la comunicazione fieldbus basata su Ethernet continua a diffondersi, per esempio con OPC UA o con la connettività cloud. Qui, per esempio, stiamo lavorando con successo con la Cloudrail, che fornisce connettori cloud per varie piattaforme come Google o AWS sulla base del nostro hardware.

10. L’industria dell’IoT ha molti produttori che lavorano tutti verso vari standard o specifiche proprietarie, questo impedisce problemi quando comunicano tra di loro. Quanto sono aperte le vostre soluzioni nell’industria?

Abbiamo di conseguenza continuato l’idea di base del Raspberry Pi. Pertanto, sia l’hardware dei moduli base e I/O che il software del Revolution Pi sono open source. Nel frattempo, il successo di Revolution Pi dimostra che il rischio di lanciare un prodotto open-source sul mercato dell’automazione è servito. Non solo la domanda sempre crescente di Revolution Pi, ma anche il fatto che i grandi attori dell’industria dell’automazione stanno diventando più interessati all’open source, rinvigoriscono la nostra convinzione di aver preso la decisione giusta in passato.

11. Cosa c’è di unico in Revolution Pi?

Vediamo la caratteristica unica del Revolution Pi nella combinazione dei seguenti aspetti: Si basa sul Raspberry Pi e sulla sua comunità con tutte le sue soluzioni applicative, i clienti possono anche utilizzare i propri sistemi operativi, come un dispositivo open-source il suo concetto di schema elettrico è pubblicato su Github ed è completamente indipendente dai produttori e dalle loro specifiche. In altre parole, l’esatto contrario di essere proprietari.

12. Come supportate la produttività guidata da dati in tempo reale?

Il Revolution Pi è adatto a quasi tutte le applicazioni, tranne il controllo del movimento con tempi di ciclo estremamente brevi. La flessibilità di essere un dispositivo opensource permette al cliente di eseguire il software di sua scelta.

13. Parola chiave sostenibilità: Fino a che punto prestate attenzione ai componenti e ai processi sostenibili durante lo sviluppo?

Usiamo sempre componenti conformi alla RoHS. Cerchiamo anche di rendere i nostri prodotti il più possibile durevoli. Questo ha senso sia da un punto di vista ecologico ed è importante per la sicurezza operativa nell’industria. I nostri primi dispositivi RevPi possono ancora essere equipaggiati con il software più recente. Con la nostra modularità, anche i singoli componenti possono essere rinnovati: Per esempio, nei nostri dispositivi di base, il Revolution Pi Core o il Connect, le schede di base. Anche i nostri I/O sono modulari e possono essere scambiati se necessario, o in alcuni casi, i singoli componenti possono essere sostituiti. Inoltre, sviluppiamo e produciamo interamente in Germania.

Moduli non modulari Compatti e piani. Fonte: Kunbus
Total
0
Shares
Messaggio precedente

Aumentare la produttività della forza lavoro attraverso l’implementazione della tecnologia mobile

Messaggio successivo

Come garantire la sicurezza di una wallbox

Pubblicazioni simili