Scoprire la chiave del successo nell’IIoT: Un’intervista con Sebastian Werler di FESTO

Sebastian Werler Product Manager Digital Business

Lavorando come Product Manager Digital Business in Festo dal 2018, Sebastian è responsabile di portare sul mercato soluzioni digitali ad alto valore aggiunto che migliorano la gamma di prodotti hardware Festo con soluzioni Industrial AI, ad esempio per la manutenzione predittiva. Informatico di professione, Sebastian ora si diverte a far convergere la più recente tecnologia di apprendimento automatico con il know-how produttivo e la tecnologia di automazione di Festo per formare una soluzione ottimale per il cliente: #maggioreproduttività.

1. In che modo FESTO è coinvolta nell’industria IIoT?

In qualitá di azienda leader nella tecnologia dell’automazione, Festo ha il suo posto in molti settori in tutto il mondo. L’industria 4.0 e l’IIoT non sono solo termini di moda per Festo, ma sono pieni di prodotti e soluzioni. Un’enorme quantità della gamma di prodotti hardware di Festo funge da fonte di dati per i progetti IIoT dal momento in cui é produttore di apparecchiature. Con il suo programma di soluzioni IoT in continua crescita, Festo è fortemente coinvolta nell’industria IIoT: inizia con un ampio portfolio di sensori e prodotti intelligenti che aggregano i dati al livello base. L’offerta continua con il gateway IoT (forniti come moduli hardware o software) che costruiscono un ponte tra il mondo OT e quello IT. Questo è particolarmente utile negli scenari dei campi dismessi in cui le attrezzature di solito mancano di interfacce moderne per acquisire i dati.

Il portfolio è completato dalla nostra soluzione software Festo AX basata sull’intelligenza artificiale che, ad esempio, prevede i guasti delle apparecchiature o le deviazioni di qualità e aumenta la produttività.

2. Quali sono, secondo voi, i fattori chiave per far progredire questo settore?

L’apertura è la chiave del successo dell’Industria 4.0 in un panorama di fornitori e soluzioni sempre più eterogeneo. Svariate piattaforme IoT, le offerte dei cosiddetti “hyperscalers” nel cloud computing e una moltitudine di ecosistemi e alleanze nell’edge computing: Chi vuole avere successo in questo spazio si affida a tecnologie e standard aperti, come OPC-UA a livello di campo, la containerizzazione e i microservizi nell’area dell’architettura software e, per esempio, ONNX per la distribuzione di modelli AI.

L’apertura e gli standard riducono il rischio d’investimento per gli OEM evitando la dipendenza dai singoli fornitori e previene gli effetti di lock-in per gli operatori delle macchine.

3. Quali sono, secondo voi, gli aspetti più impegnativi del lavoro in questo settore?

Per le aziende che offrono soluzioni in questo spazio, è una sfida trovare l’unicità della propria offerta. Molte aziende, da start-up a note aziende industriali e i cosiddetti “Hyperscalers” come Amazon e Microsoft sono presenti in questo settore.

Festo rivendica un posto unico combinando un’enorme tecnologia di automazione e un know-how di dominio con una completa scienza dei dati e un know-how di AI, grazie all’acquisizione di un’azienda leader tedesca di AI, Resolto Informatik, nel 2018.

4. Cosa pensate che trattenga alcune aziende dall’investire nell’IIoT?

Spesso, i servizi IIoT pubblicizzati mancano di una chiara e facile comprensione del valore proposto: quale è il miglioramento derivante dall’investimento in tali soluzioni. Al di là degli slogan, un caso aziendale deve essere visibile, in termini di aumento della produttività, riduzione dei costi di manutenzione, un maggior numero di parti di ricambio o un minor consumo di energia.

La mancanza di un caso aziendale e di una chiara proposta di valore sta impedendo alle aziende di investire nell’IIoT.

Un inizio non deve essere difficile e costoso. Un inizio nel mondo dell’IIoT e dell’Industria 4.0 può essere facile e a basso investimento. Si può iniziare con la gestione digitale della manutenzione, come “Smartenance” o un progetto pilota con Festo AX per dimostrare il valore per una certa applicazione industriale o processo.

5. Cosa dicono i vostri clienti delle soluzioni?

I clienti apprezzano il fatto che Festo contribuisca anche con il suo know-how nel settore dei servizi digitali e allo stesso tempo richiedono questa competenza. In particolare, i clienti apprezzano anche il fatto che Festo utilizzi le sue soluzioni digitali anche nelle proprie fabbriche – di conseguenza anche la produzione di un cliente usufruisce indirettamente dei vantaggi derivanti dall’esperienza acquisita in loco.

Poiché Festo è un fornitore di molte aziende manifatturiere, si ritiene che abbia anche un ruolo di collegamento, cioè una funzione che possa aiutare a portare avanti e a stabilire gli standard e le migliori pratiche generali.

6. Come pensate che siano stati affrontati i problemi di sicurezza?

L’edge computing ha abbassato la barriera per i progetti IoT, soprattutto per quanto riguarda la cybersicurezza e la privacy dei dati: i dati vengono elaborati localmente, vicino al processo e non lasciano (necessariamente) la rete aziendale.

Al fine di contrastare le riserve e i rischi in una fase iniziale, è consigliabile che il roll-out dell’IOT e dell’AI nella produzione coinvolga anche il dipartimento IT in una fase iniziale. Per i successi rapidi e i piloti, tuttavia, il tema dell’edge computing e dei test in reti isolate è anche vantaggioso.

Nello sviluppo di prodotti IoT si raccomanda di rendere la sicurezza un requisito di prima classe fin dall’inizio – non importa se si parla di un prodotto hardware o software: le considerazioni sulla sicurezza dovrebbero essere parte di ogni fase dello sviluppo, dall’inizio al rilascio e al ciclo di vita del prodotto.

Inoltre si raccomanda di convalidare le considerazioni e le misure di sicurezza da parte di attori esterni, per esempio con test di penetrabilità.

I prodotti digitali di Festo vengono regolarmente sottoposti a pen test e abbiamo anche istituito un Product Security Incidence Response Team (PSIRT) all’interno di Festo per coprire e gestire l’argomento dei nostri prodotti, hardware e software.

7. L’IIoT è un’industria molto guidata dai dati, offrite servizi di dati? Come si comporta questa soluzione rispetto ad altri servizi della concorrenza?

Con Festo AX, offriamo una soluzione orientata ai dati. Si tratta di una soluzione end-to-end, a partire dalla connessione delle macchine ottenendo i dati giusti nella giusta dimensione. Questo è il livello di connettività Festo AX. Poi analizziamo e prepariamo i dati. Questo viene eseguito dagli scienziati dei dati. Successivamente, i modelli di apprendimento automatico vengono addestrati con i dati preparati in Festo AX. Questi modelli eseguono lo scoring delle anomalie e la classificazione dei dati e predicono i guasti delle attrezzature, le deviazioni di qualità o le perdite nelle macchine e nei processi industriali.

Questa soluzione end-to-end, che combina la conoscenza del dominio, il know-how dell’officina, la scienza dei dati e un moderno stack di software, è un punto di forza per i clienti. Questo approccio profondo si vede raramente nei servizi della concorrenza. Molti di loro, per esempio, mancano di connettività nei siti dismessi o funzionano solo in cloud pubblici. Festo AX al contrario funziona negli ambienti preferiti dal cliente: on-edge, on-premises o nel cloud.

8. Le aziende che investono in soluzioni IIoT possono essere costose se non fatte bene, che livello di supporto offrite ai vostri clienti nell’adozione delle vostre soluzioni?

Noi di Festo offriamo supporto ai nostri clienti dalla concezione alla messa in opera. Per essere in grado di vedere rapidi successi, ha senso concentrarsi su sotto-aree di una produzione e testare i concetti e le strategie prima di realizzare grandi progetti di roll-out. L’intervento e le contromisure sono naturalmente molto più facili su piccola scala. Essendo noi stessi un’azienda di produzione, noi di Festo offriamo ai clienti l’accesso all’esperienza delle nostre fabbriche. Questa conoscenza e l’esperienza acquisita confluiscono continuamente nell’ulteriore sviluppo dei prodotti IIoT.

9. Quale pensi che sarà il focus principale dell’IIoT nei prossimi due anni?

Un obiettivo principale sarà la creazione di altri progetti di fari. Questi progetti implementati con successo hanno un impatto su un cliente ma possono anche influenzare un intero settore. Sempre più spesso, i protocolli e i modelli di interazione saranno ulteriormente standardizzati, il che faciliterà la collaborazione tra aziende o tra fornitori.

In genere, l’industria manifatturiera è sempre un po’ indietro rispetto alle altre industrie. Nei prossimi anni, quindi, vedremo probabilmente un’ulteriore affermazione degli approcci data-driven, dato che sono stati comuni in altri settori, come la finanza, per molto tempo. Diventerà sempre più merceologico affidarsi al processo decisionale guidato dai dati e alla virtualizzazione nell’intera area di produzione, cioè dalla pianificazione delle macchine alla messa in servizio e al funzionamento.

10. Cosa vi appassiona di più nel lavorare in questo settore?

C’è molto potenziale per migliorare i processi, spesso anche con strumenti e metodologie semplici. Per esempio, il nostro software “Smartenance” aiuta a spostare la manutenzione da carta e penna a una soluzione digitale, semplificando così in modo significativo i compiti di routine quotidiani.

Inoltre, si sperimentano nuove sfide ogni giorno e si entra in contatto con le ultime tecnologie come la robotica e l’IA.

11. FESTO sta già guardando all’Industria 5.0?

Il termine Industria 5.0 è associato a temi come la resilienza, la sostenibilità, la centralità dell’uomo e l’autonomia.

Naturalmente Festo si occupa di tutti questi argomenti. In primo luogo, come è ovvio, con le misure e gli sforzi per ridurre progressivamente l’impronta di CO2 e per dare il proprio contributo a una produzione a impatto zero sul clima. Inoltre, con la sua divisione Festo Didiactic, l’azienda partecipa attivamente alla formazione e alla qualificazione della forza lavoro per il mondo del lavoro del futuro. E nel campo dell’autonomia, Festo ricerca e sviluppa costantemente ulteriori tecnologie per macchine e processi produttivi autonomi.

12. Quali sono le ambizioni digitali attuali e future della vostra azienda?

Festo vuole continuare a fornire ai clienti servizi digitali che rappresentano un ulteriore tassello sulla via di una maggiore produttività. Da un lato, i servizi digitali sono destinati ad aggiungere funzioni e valore aggiunto ai prodotti di base, ma, dall’altro, sono anche destinati a fornire agli utenti un plusvalore come servizi digitali a sé stanti.

Inoltre, le ambizioni digitali di Festo sono evidenti anche nell’area dei canali di vendita con la continua espansione del negozio online e dei configuratori di prodotti. Inoltre, il tema dello Zwlling digitale è fondamentale anche per Festo. Gli assemblaggi individuali e specifici possono già essere ottenuti da Festo come gemelli digitali. Questo permette la pianificazione e la messa in funzione virtuale di macchine e processi e sarà notevolmente ampliato in futuro.

13. L’industria dell’IoT ha molti produttori che lavorano tutti verso vari standard o specifiche proprietarie, questo impedisce problemi quando comunicano tra di loro. Quanto sono aperte le vostre soluzioni nell’industria? 

Festo è un membro attivo di varie organizzazioni e comitati per lo sviluppo di standard, come la OPC Foundation e l’Industrial Digital Twin Association (IDTA). Gli standard adottati trovano poi la loro strada nello sviluppo dei prodotti.

Nell’area dei servizi digitali, Festo ricorre all’uso di standard ogni volta che è possibile. Tuttavia, anche il cliente finale che alla fine utilizza un servizio digitale ha un’influenza decisiva sul suo utilizzo: Festo è guidata in particolare dalle loro richieste e si allinea alle loro specifiche. Gli utenti finali, come le aziende automobilistiche, le corporazioni alimentari, ecc. hanno una grande influenza sulla realizzazione degli standard.

14. Cosa c’è di unico nella vostra tecnologia FESTO nel collegare tutti i sistemi in una soluzione guidata dai dati?

L’approccio unico di Festo è la combinazione di un ampio know-how di dominio nell’automazione pneumatica ed elettrica, un vasto know-how industriale e settoriale e un know-how nel campo dell’AI, dell’apprendimento automatico e della scienza dei dati. Questa combinazione è veramente rara, addirittura unica in singoli mercati, ed è ciò che distingue l’approccio Festo. Molte aziende superano alcune delle parti del viaggio dalle macchine fino ai business insights. Festo offre un approccio completo, dall’OT all’IT.

15. Come supportate la produttività guidata da dati in tempo reale?

I messaggi di manutenzione, i rilevamenti di anomalie e altri eventi generati dalle soluzioni Festo possono essere immediatamente inoltrati ad altri sistemi. I responsabili delle decisioni possono così reagire immediatamente ai malfunzionamenti o ai possibili eventi di manutenzione.

16. Qual è la vostra ultima innovazione nella guida dell’automazione Al? (raccolta dati in tempo reale, monitoraggio, pianificazione, controllo e proposte di soluzioni)

La nostra ultima innovazione in questo campo è “GripperAI”. Si tratta di un software che contiene una rete neuronale addestrata che è collegata a un robot con un sistema di visione, che esegue compiti di pick-and-place. GripperAI permette la presa autonoma in una scatola: ciò significa che una pinza può prendere e posizionare parti che si trovano in una scatola, senza la necessità di essere addestrata su quelle parti in anticipo. Questo riduce drasticamente il tempo di messa in servizio e aumenta la flessibilità. Finora GripperAI viene utilizzato dai clienti in applicazioni logistiche con ottimi risultati.

Total
0
Shares
Messaggio precedente

Applicazioni NetAlly Discovery

Messaggio successivo

Phoenix Contact – Complete, l’affidabilitá del quadro elettrico

Pubblicazioni simili