Come soddisfare le esigenze del settore industriale in continua evoluzione

Negli ultimi cinque anni abbiamo assistito alla crescente diffusione dell’automazione nelle fabbriche del mondo. I fattori che hanno determinato questa tendenza sono ovviamente molteplici. Oltre alla tradizionale esigenza di una maggiore produttività e di una riduzione del costo del lavoro, ci sono altre motivazioni che sono riconducibili alla digitalizzazione e alla crescita dell’ e-commerce, con un numero sempre maggiore di lavoratori che restano a casa dietro lo schermo del PC, del tablet o dello smartphone. Anche il Covid-19 ha avuto un’influenza sull’automazione, in quanto ha costretto le aziende a rivedere i propri processi e ad accelerare i piani di miglioramento investendo maggiormente in tecnologia. In questo periodo molti dipendenti hanno dovuto lavorare in smart working. L’efficienza energetica, i big data e l’aumento delle transazioni in blockchain/criptovalute sono ulteriori catalizzatori degli investimenti in automazione.

Tutti questi fattori influiscono sui distributori come Distrelec, il che significa che dobbiamo adattarci per soddisfare le richieste in continua evoluzione. Prendiamo la digitalizzazione come esempio. La società umana vuole sempre di più, in modo sempre più rapido, soprattutto se si tratta di cibo, salute o sistemi di intrattenimento e i produttori insieme ai distributori della catena di approvvigionamento devono in qualche modo reagire.

Principali aree di crescita

Per quanto riguarda l’automazione, vediamo crescere la domanda di soluzioni di comunicazione industriale, di informatica industriale e di sistemi robotici con intelligenza artificiale (AI), in quanto tutti questi elementi possono contribuire a ridurre i costi di manodopera.

Un’altra tendenza è quella del SBC (single-board computing), che si sta diffondendo sempre più nei settori industriali, soprattutto grazie alla sua facilità di implementazione rispetto allo sviluppo di una scheda da zero. Di conseguenza, molti produttori stanno spostando i loro modelli di business verso il B2B e meno verso il B2C.

L’Industria 4.0/5.0

Il viaggio verso l’Industria 4.0 continua, il che significa che dobbiamo mantenere i nostri investimenti in stock e prodotti di livello industriale per supportare le fabbriche nell’accelerazione del loro percorso di automazione. Questa attività richiede anche la revisione periodica della strategia di prodotto con una crescente attenzione all’automazione, come l’informatica industriale (switch e router), i PLC, i sensori e altro ancora.

Nel frattempo, cresce l’attenzione per l’Industria 5.0 e per ciò che potrebbe significare per i distributori. Senza dubbio l’attenzione sarà sempre più rivolta all’intelligenza artificiale, alle soluzioni SaaS e a un maggior numero di prodotti digitali. L’attenzione sarà rivolta anche ai servizi che vanno oltre la sola fornitura di prodotti, come il supporto allo sviluppo di applicazioni e soluzioni. Inoltre, con l’Industria 5.0 assisteremo a un’accelerazione della rete di comunicazione, soprattutto attraverso la comunità (open-sourced).

Cosa accadrá nei prossimi cinque anni?

Senza la sfera di cristallo, è difficile prevedere come cambieranno le cose nei prossimi cinque anni, ma quello che possiamo dire è che continueranno ad esserci molte migliaia di estensioni di prodotto e che saranno sempre più disponibili in magazzino.

Ulteriori iniziative di Distrelec comprenderanno una maggiore internazionalizzazione, mentre manterremo una forte attenzione al settore industriale.

Nel frattempo, ci aspettiamo di assistere a una continua richiesta di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici sia in ambito commerciale che residenziale. Abbiamo introdotto un nuovo marchio chiamato Charge Amps.

Qualunque cosa ci riservi il prossimo quinquennio, sappiate che Distrelec ha il polso della situazione e si evolverà opportunamente per soddisfare le esigenze specifiche dei suoi clienti del settore industriale.

Total
0
Shares
Messaggio precedente

Componenti elettrici ed elettronici RND utilizzati in applicazioni industriali

Messaggio successivo

La rete connessa del domani: In che modo le fonti di energia pulita forniscono energia a una città o ad un paese? 

Pubblicazioni simili