Attenzione: la connettività 5G sta influenzando l’industria automobilistica

Il 2020 è l’anno del 5G. Con i provider di rete che stanno implementando la copertura, il rilascio dei primi telefoni 5G tradizionali e la costruzione di infrastrutture, la nuova rete sta diventando una realtà sia per i consumatori che per gli attori industriali. In tutti i settori, gli innovatori sono già al lavoro preparandosi per il successo e preparandosi per la transizione diffusa al 5G e per le opportunità che ne derivano. Un primo esempio di immenso potenziale di progressione con il 5G è l’industria automobilistica, e sarà la culla di alcuni dei progressi più importanti derivante dalla nuova tecnologia che influenzerà la società nel suo insieme.

Ma cos’è esattamente il 5G che consentirà all’industria automobilistica di ottenere?

Diamo una breve occhiata alle basi del 5G.

Le basi del 5G


La rete 5G utilizza una frequenza molto più alta per inviare i suoi segnali rispetto a quella disponibile alla rete 4G. A frequenze 5G comprese tra 24 e 100 GHz, chiamate anche onde millimetriche, 4G, che utilizza frequenze comprese tra 2 e 8 GHz, si può a malapena confrontare. In questo caso, frequenze più alte significano velocità più elevate, uno dei principali vantaggi del 5G.

Inoltre, gli utenti beneficeranno di una latenza molto inferiore. Ciò significa che il ritardo sarà quasi inesistente, una caratteristica fondamentale per molti scopi professionali, ad esempio nella chirurgia a distanza o nelle applicazioni di guida autonoma.

Il 5G è anche molto più affidabile dei suoi predecessori, raggiungendo un’affidabilità quasi del 100%. Ciò è ancora una volta significativo quando si tratta di applicazioni industriali che possono essere responsabili della vita umana e devono ridurre i fattori di rischio il più bassi possibile.

Con velocità più elevate, ritardi minimi e incredibile affidabilità, il 5G pone le basi per sviluppi automobilistici innovativi.

Focus: automobili

L’entusiasmo per il 5G, sin dall’inizio, è andato di pari passo con le grandi aspettative sulla guida autonoma e sulla mobilità avanzata. E per una buona ragione: elevate velocità di trasferimento dati in uplink e downlink fino a 10 Mbps per dispositivo in un veicolo, latenza molto bassa di 1 ms e un’elevata densità di rete fino a 10.000 dispositivi / km2 sono solo alcuni degli abilitatori relativi al 5G che faranno progredire questa tecnologia.

Le auto come le conosciamo sono destinate a cambiare con il progredire delle tecnologie e McKinsey ha identificato quattro tendenze relative al 5G che alla fine guideranno un cambiamento significativo in ciò che pensiamo come auto. Sono noti collettivamente come “ACES”:

Probabilmente il più grande di questi è la guida autonoma. Sebbene abbiamo assistito a progetti di test con diversi successi, l’elevata affidabilità della rete e la bassa latenza del 5G rappresentano un passo verso una maggiore sicurezza quando pensiamo all’auto del futuro e al modo in cui percepisce e si connette Ciò porterà anche le case automobilistiche verso una maggiore focalizzazione su software e hardware che costituiscono il sistema operativo di un veicolo, e meno attenzione sui macchinari convenzionali.

Un altro sviluppo che si baserà sul 5G e questa ulteriore attenzione al software è la connettività all’interno delle auto di domani. Ciò consentirà un’ampia gamma di casi d’uso, tra cui infotainment veicolare e sistemi cooperativi di assistenza alla guida avanzata (ADAS), che beneficiano enormemente dei progressi 5G di velocità dati medie comprese tra 0,5 Mbps e 15 Mbps (a seconda dei media), densa mobilità urbana in su a 200 km / h e densità di rete di 2.000 dispositivi / km2.

La mobilità condivisa, ovvero le automobili utilizzate abitualmente da un gran numero di utenti diversi, è collegata alla guida autonoma. Una volta stabilita la guida autonoma, le compagnie di taxi possono implementare flotte di auto autonome che sfruttano tutti i vantaggi delle esperienze di guida autonome e connesse, come soluzioni di ottimizzazione del percorso e dati in tempo reale sulle condizioni del traffico. Inoltre, i consumatori potranno monetizzare le loro auto inattive.

Infine, l’elettrificazione come tendenza finale aumenterà la quantità di propulsori elettrici disponibili. Questi non sono solo migliori per l’ambiente, significano anche che le auto, con l’aiuto del 5G, possono eseguire operazioni remote e connettersi digitalmente.

Queste tendenze ACES non esistono da sole ma sono collegate. Come abbiamo già iniziato a delineare, la loro interazione è fondamentale per il progresso tecnologico delle auto. Ciò richiede l’elaborazione quasi istantanea di grandi quantità di dati, ed è qui che il 5G può davvero brillare. Come fattore abilitante per sviluppi rivoluzionari guidati dalle tendenze ACES, gli operatori industriali possono vederne il potenziale. Ad esempio, in Europa, il progetto 5GCAR sta contribuendo a sviluppare un’architettura di sistema 5G globale e ha identificato casi d’uso che richiedono il 5G per sbloccare il futuro dei trasporti. Questi vanno dal coordinamento della fusione delle corsie alla condivisione dei sensori a lungo raggio e alla maggiore protezione per i pedoni.

Focus: strade e infrastrutture

Il settore automobilistico non può esistere senza strade e infrastrutture, e allo stesso modo tutti gli sviluppi basati sulle tendenze ACES e abilitati dal 5G sarebbero obsoleti se non si raggiungesse una significativa innovazione in questo settore. Fortunatamente, questo è ben avviato.

L’infrastruttura interconnessa, comprese le telecamere per monitorare le condizioni del traffico, i sensori in grado di misurare la temperatura e le condizioni di guida, nonché i segnali di lavoro stradale temporanei faranno parte della futura esperienza di guida. Con il 5G, questa infrastruttura e le sue auto interconnesse possono fare affidamento su velocità di trasmissione dati degli utenti finali fino a 100 Mbps, latenza inferiore a 200 ms e mobilità urbana densa fino a 100 km / h.

Con questi dispositivi e con le nuove auto avanzate, sarà anche necessario fare affidamento su un sistema di gestione del traffico intelligente centrale. E ancora, è possibile accedervi tramite 5G.

Focus: produzione automobilistica


All’interno del settore manifatturiero, è noto che il 5G offre l’opportunità di aumentare la produttività, la velocità e l’efficienza. Come unico standard che l’industria può adottare, i progetti sono già in corso per essere i primi a beneficiarne. Ericsson e Telefónica Germany, ad esempio, hanno collaborato per abilitare una rete 5G privata per Mercedes-Benz presso lo stabilimento della società di Sindelfingen nel sud della Germania.

Con l’installazione di una rete 5G locale, il collegamento in rete di tutti i sistemi e le macchine di produzione negli stabilimenti Mercedes-Benz Cars diventerà ancora più intelligente ed efficiente in futuro. Questo apre opportunità di produzione completamente nuove.

Jörg Burzer, Member of the Divisional Board of Management of Mercedes-Benz Cars, Production and Supply Chain

Opportunità aumentate


Con 5G, è possibile abilitare la comunicazione basata su rete che fornisce alta affidabilità, bassa latenza e velocità più elevate per spostare grandi quantità di dati. Ciò significa che, nel 5G, l’industria ha un’opportunità unica per facilitare l’autonomia, la mobilità condivisa, la connettività e l’elettrificazione su larga scala. Con una rete adatta a tutte le idee innovative in materia di automobili connesse, infrastrutture e fabbriche automobilistiche, gli operatori del settore hanno a disposizione una tela bianca che possono utilizzare per iniziare a trasformare in realtà l’industria automobilistica del futuro. E non vediamo l’ora di vedere cosa inventeranno.

Total
0
Shares
Messaggio precedente

Progettazione rapida di sistemi IoT con Arduino

Messaggio successivo

Risolvi la sfida dell’elaborazione del segnale con Digilent Eclypse Z7 Ecosystem

Pubblicazioni simili