The mining machine search for minerals in the water.

Corsa in fondo al mare: macchine minerarie bendate

L’oceano è l’habitat meno conosciuto al mondo, e gli scienziati non sono nemmeno sicuri di cosa viva in alcuni ecosistemi. Tuttavia, per cambiare l’ambiente e creare prodotti tecnologici più nuovi e a ridotto inquinamento atmosferico, le aziende sono alla ricerca di minerali rari che si trovano sui fondali marini.

L’idea di estrarre dal fondale oceanico è stata proposta per la prima volta negli anni ’60, ma ha cominciato a funzionare correttamente solo quando i progressi tecnologici alimentati dall’industria del petrolio e del gas l’hanno resa possibile. Ora, i paesi vogliono produrre meno emissioni di carbonio ed eliminare gradualmente i motori a combustione. Entro un decennio sarà possibile vedere più auto elettriche sulle strade. Ma per alimentare la tecnologia pulita, come le auto elettriche, l’energia solare o eolica, i produttori hanno bisogno di metalli rari.

Molte industrie e compagnie focalizzate sulla tecnologia, cercano di investire in prodotti in grado di apportare benefici all’ambiente. Eppure, per produrre molte di queste cose, la tecnologia si basa su materiali rari. La gente investe in gadget tecnologici sempre più recenti non rendendosi conto che i dispositivi di cui siamo circondati sono spesso costruiti utilizzando elementi chimici grezzi, reperibili in fondo al mare.

L’approvvigionamento di materie prime necessarie per la svolta energetica sta diventando sempre più essenziale. Se la produzione si diffondesse su scala globale, queste risorse verrebbero a mancare o la gente le cercherebbe soprattutto nelle profondità marine. Quello che rimane sulla terraferma potrebbe non essere sufficiente, le turbine eoliche, i pannelli solari, i motori delle auto elettriche, le batterie, l’elettrificazione e gli elettrolizzatori di idrogeno hanno tutti bisogno di litio, rame, metalli preziosi, elementi delle terre rare e altre risorse.

Si dovrebbe quindi interferire con la natura lasciando le macchine minerarie sott’acqua oppure lasciare in pace l’oceano perché un’enorme quantità di specie è a rischio di estinzione?

L’oceano a rischio

L’estrazione sulla terraferma provoca danni all’ecosistema, cumuli di sterili e scolo di acqua contaminata, piogge acide dovute allo zolfo presente nei minerali, ma sotto il mare, ci sono più minerali che non sono di proprietà di nessuno Stato. Solo la International Seabed Authority, l’ISE o l’UN-Oceans ne permettono l’esplorazione.

Il pericolo causato dall’estrazione del mare è significativo. Può causare la perdita della biodiversità e dei microbi importanti per l’immagazzinamento del carbonio, così come la modifica della “pompa biologica” dell’oceano, della sua salute generale e del suo funzionamento. Le macchine minerarie devono operare a migliaia di metri sotto l’acqua, la raschiatura del fondo marino e l’inquinamento dei processi estrattivi potrebbero uccidere le specie.

For dumÈ estremamente pericoloso per i polpi dumbo, i pangolini di mare e altre specie, oltre che per la pesca, la contaminazione dell’acqua, l’inquinamento acustico e il danneggiamento dell’habitat. Sono a rischio anche i minerali necessari per una transizione verde, come rame, cobalto, nichel e manganese. Questo significa che per decarbonizzare e raggiungere le emissioni nette zero, si dovrebbe iniziare ad estrarre le risorse per le batterie delle auto e le turbine eoliche, ma è possibile tutto ciò?

Si sa che l’acqua dell’oceano contiene tre tipi principali di minerali: noduli polimetallici, croste metalliche che contengono manganese, cobalto e platino e solfuri e sfiati di acque vulcaniche surriscaldate con zinco, rame, argento e oro.

Le profondità dei nostri oceani rimangono in gran parte inesplorate, ma i primi tentativi dell’umanità di avventurarsi negli abissi blu hanno rivelato un mondo nascosto pieno di meraviglie, dove la vita prospera sotto una grande pressione barometrica e lontano dalla luce del sole. Il fatto che la vita esista in condizioni così spietate, traendo energia dalle sostanze chimiche espulse dal nucleo della terra e rinchiudendo il carbonio nella nostra atmosfera, è una delle meraviglie non celebrate del mondo. Inoltre, stiamo cominciando ad apprezzare la misura in cui la vita nelle profondità marine influenza anche la salute dei sistemi planetari da cui tutti dipendiamo.

David Attenborough, vicepresidente FFI, “Fauna & Flora International (FFI)“, 2020. Una valutazione dei rischi e degli impatti dell’estrazione dai fondali marini sugli ecosistemi marini.

I dati di Fauna & Flora International (FFI) dimostrano che l’estrazione mineraria in acque poco profonde (meno di 200 metri) è stata praticata in diverse aree per decenni, e gli effetti sugli ecosistemi marini sono piuttosto conosciuti. Al contrario, sappiamo molto poco delle acque profonde, il che rende impossibile prevedere con certezza gli effetti dell’estrazione mineraria.

Cosa succederà in fondo al mare?

Secondo i dati del Guardian, del 29 giugno 2021, la minuscola nazione dell’isola del Pacifico di Nauru ha informato l’International Seabed Authority (ISA) delle sue intenzioni di iniziare a estrarre i fondali marini in due anni di lunghe trattative per governare l’industria. L’idea è diventata di dominio pubblico e ci sono preoccupazioni su come sia possibile che una piccola isola minacci la sicurezza globale.

È noto che alcuni paesi inviano già macchine minerarie nell’oceano. BBC News nel 2014 ha informato che nuove aree del fondo dell’oceano sono state aperte in una ricerca accelerata di minerali preziosi tra cui manganese, rame e oro. L’India, il Brasile, Singapore, la Russia, la Germania, il Canada, il Regno Unito e gli Stati Uniti sono andati avanti con piani di esplorazione mineraria in acque profonde (DSM).

I governi dei paesi sostengono di proteggere l’oceano, ma per dimostrare ciò non dovrebbero permettere ai paesi di fare una corsa al fondale marino. Secondo la Reuters, alcuni scienziati e ambientalisti hanno chiesto di vietare tutto questo, poiché si sa troppo poco sugli ecosistemi delle profondità marine. Quello che si sa è che i coralli delle profondità marine forniscono una casa per una serie di creature che potrebbero essere danneggiate dall’estrazione marina.

Come specificato dall’Agenzia Internazionale dell’Energia, il consumo di sistemi di energia pulita entro il 2040 crescerà da sei a ventuno volte per il cobalto, da sei a diciotto volte per il nichel e da tre a otto volte per il manganese. Questo significa che la gente ha bisogno di più risorse, ma a quale costo? Due terzi delle forniture globali di cobalto provengono dalla Repubblica Democratica del Congo, il paese dove si producono sottoprodotti dell’estrazione del rame (richiesto in grandi quantità) e del nichel.

La soluzione per salvare l’oceano

In accordo con l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), per limitare gli impatti ambientali delle attività minerarie, una maggiore comprensione delle profondità marine è destinata a favorire soluzioni di mitigazione e una corretta applicazione delle regole.

Riuso

Il nostro pianeta è attualmente in pericolo a causa dei cambiamenti climatici e dell’emissione di carbonio, poiché l’industria dei motori a combustione si è sviluppata in modo significativo, ma anche le eruzioni dei vulcani provocano inquinamento atmosferico. Affinché l’ambiente e l’aria sulla Terra siano più puliti, le organizzazioni vogliono decarbonizzare e raggiungere emissioni nette zero.

Ma cercare minerali in acque inesplorate può avere un effetto enorme, irreversibile e globale sul nostro ambiente, perché i prodotti cleantech sono fatti con quelli essenziali per la Terra. La soluzione è riutilizzare, per esempio, le batterie o usare solo i minerali disponibili, invece di cercare di trovare metalli rari a tutti i costi.

Gli esploratori dell’oceano

Per garantire un impatto minimo sull’ecosistema oceanico, è necessario fare attenzione mediante tecnologie specializzate e sistemi di supervisione. Le persone a capo delle macchine minerarie dovrebbero essere guidate da esperti prima di esprimere qualsiasi giudizio al fine di trovare un accordo sulle ripercussioni ambientali.

Louisa Casson, un attivista di Greenpeace International a tutela degli oceani, ha dichiarato al Guardian che discutere il destino dell’oceano per due anni non è sufficiente e non si può permettere che queste “compagnie sconsiderate” si buttino a capofitto in una corsa verso il fondo, dove ecosistemi poco conosciuti saranno venduti per profitto, e i rischi e le conseguenze saranno spinti verso i piccoli paesi insulari. Ha aggiunto che per proteggere gli oceani, abbiamo urgentemente bisogno di una restrizione sull’estrazione in alto mare.

Rifiuti zero e riciclaggio

La soluzione è rifiuti zero e riciclaggio. l sistema energetico ecologico incentrato sul riutilizzo può contribuire a salvare l’ambiente. Bisognerebbe iniziare ad estrarre le risorse per le batterie delle auto e le turbine eoliche. Ci sono anche alternative, per le batterie e per quelle a basso contenuto di cobalto, ma richiedono più manganese. Tesla ha già presentato delle batterie al litio-ferro-fosfato per le auto elettriche che sono fatte con ingredienti più economici e più facilmente disponibili.

La Metals Co ha informato che l’estrazione dovrebbe iniziare nel 2024 e le norme saranno approvate entro i prossimi due anni. Ma l’estrazione in fondo al mare può distruggere l’habitat prima ancora di conoscerlo. Per questo è fondamentale riutilizzare le batterie o altri prodotti, riciclare e non sprecare. Soprattutto perché ottenere materiali essenziali per la transizione energetica diventa difficile, ne abbiamo bisogno per salvare il pianeta, abbassare l’inquinamento atmosferico e accogliere definitivamente la nuova era della tecnologia elettrica.

Il futuro delle acque della Terra

Gli esseri umani sono sempre alla ricerca di nuove tecnologie, come gadget, telefoni, computer portatili, centri dati, veicoli elettrici, aerei, macchinari industriali, turbine eoliche e centrali elettriche. La domanda globale della tecnologia non solo necessita di input di materie prime sempre maggiori, ma genera anche montagne di spazzatura.

Siamo già a corto di alcuni dei principali minerali. È sorprendente che il consumismo ci mostri il lato totalmente opposto – che ci meritiamo sempre di più. Per dirlo chiaramente, uno smartphone per funzionare richiede litio e cobalto per la batteria, rame, oro e argento per il cablaggio e i componenti microelettrici, arsenico, fosforo, gallio e antimonio per regolare la conduttività del chip di silicio, tantalio per i microcondensatori e altri materiali rari.

Le persone sono solo colonizzatori sulla Terra, la natura decide cosa succederà sul pianeta. In un contesto di scarsità di elementi, dovremmo puntare al riutilizzo degli elementi già presenti in tutti i nostri gadget, preservando la biodiversità, riducendo i flussi di rifiuti, investendo nell’innovazione e riducendo i danni ambientali causati dall’estrazione.

Per aiutare l’ambiente è importante prendersi cura della natura. Le persone non possono andare avanti senza alcun progresso. Siamo semplicemente dei parassiti nell’ecosistema, quindi dobbiamo vivere in armonia con la natura. Le acque hanno già sofferto a causa dell’attività umana, analogamente allo sviluppo della plastica di cui stiamo cercando di sbarazzarci (o di creare una bioplastica), la tecnologia è in rapida crescita e deve plasmare la consapevolezza della gente del suo impatto sull’ambiente. Solo allora saremo in grado di sviluppare e creare cose sempre nuove per vivere in un mondo più facile e migliore.

Total
0
Shares
Messaggio precedente

Come la tecnologia dei sensori rappresenta la chiave per i veicoli autonomi

Messaggio successivo

Deutsche Bahn (DB) e Siemens AG presentano il primo treno autonomo nella città di Amburgo

Pubblicazioni simili