Quali paesi sono pronti per la transizione energetica – Indice

La transizione energetica è fondamentale per fermare il cambiamento climatico ed eliminare così l’impronta di carbonio. In tutti i Paesi, è necessario che si inizi a passare a metodi più sostenibili in modo da implementare soluzioni industriali ecologiche.

I progressi verso la transizione energetica sono già in atto in molti Paesi. Le nazioni stanno fissando delle scadenze per diventare neutrali dal punto di vista delle emissioni di carbonio. Le date, come il 2050 e il 2060, possono sembrare lontane, ma per raggiungere questo obiettivo i Paesi devono implementare oggi più fonti di energia rinnovabile.

Pochi avrebbero immaginato la portata e il ritmo della transizione energetica a cui stiamo assistendo oggi.

Adnan Z Amin, Direttore generale

Analogamente all’Indice EV che abbiamo realizzato all’inizio di quest’anno, questa volta vogliamo esaminare più da vicino la transizione energetica in generale, non solo quella dei veicoli elettrici. Quali Paesi sono pronti per il raggiungimento dello zero netto e hanno obiettivi di riduzione delle emissioni di gas? La neutralità del carbonio entro il 2050 può bastare? Cosa significa per l’Europa e per il resto del mondo?

Aumento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Le energie rinnovabili sono diventate sempre più diffuse. L’uso delle energie rinnovabili è in aumento e, in un settore in espansione, le energie rinnovabili offrono energia pulita che contribuisce a proteggere l’ambiente. Inoltre, il settore delle energie rinnovabili crea più posti di lavoro in quattro settori principali: trasporti, energia solare, riscaldamento/raffreddamento dell’aria e dell’acqua e produzione di energia. Molti Paesi vedono il potenziale delle energie rinnovabili e vogliono utilizzare più spesso l’energia pulita.

L’industria delle energie rinnovabili rappresenta oltre il 20% dell’approvvigionamento energetico mondiale. Sono pochi i luoghi del pianeta in cui le reti sono alimentate quasi interamente da energie rinnovabili. Per saperne di più sulla rete, scoprite .

Neutralità del carbonio: è possibile?

I Paesi e i governi di tutto il mondo stabiliscono le scadenze per essere pronti a raggiungere l’azzeramento delle emissioni. Secondo il , l’obiettivo di avere emissioni nette zero entro il 2050 è stato fissato o viene preso in considerazione da oltre 130 nazioni.

I dati mostrano che alcuni Paesi, come le Maldive o il Bangladesh, potrebbero essere a zero emissioni entro il 2030. La Finlandia ha l’obiettivo di raggiungere la neutralità di carbonio entro il 2035, l’Islanda entro il 2040. I Paesi europei, tra cui Germania, Svezia e Portogallo, hanno come scadenza il 2045. La Svizzera, gli Stati Uniti, la Corea del Sud, il Giappone e l’Unione Europea puntano alla neutralità del carbonio entro il 2050. È curioso che due dei Paesi più grandi e potenti del mondo, la Russia e la Cina, abbiano fissato l’obiettivo di diventare neutrali dal punto di vista delle emissioni di carbonio entro il 2060. Come mai così tardi? Continuate a leggere per scoprirlo.

Una classifica dei Paesi più preparati

Oltre agli obiettivi su cui i Paesi si concentrano, ci sono iniziative che le nazioni hanno già avviato, come la sottoscrizione di politiche climatiche, la decisione di quali e quanti investimenti effettuare e la quantità di fonti energetiche rinnovabili già in uso. Questo fa sì che i Paesi si posizionino più in alto nella transizione verso la riduzione delle emissioni di gas serra. Significa che sono più vicini alla neutralità delle emissioni di carbonio e al raggiungimento dei loro obiettivi di energia verde in un arco di tempo più breve.

Il più recente , The Green Future Index 2022, mostra la differenza tra gli anni 2021 e 2022 esaminando più da vicino 76 nazioni. Recentemente, alcuni Paesi hanno migliorato le loro strategie per l’energia pulita e si sono classificati più in alto.

Ecco i 10 paesi leader della transizione energetica

  1. Islanda
  2. Danimarca
  3. Svizzera
  4. Paesi Bassi
  5. Norvegia
  6. Svezia
  7. Regno Unito
  8. Finlandia
  9. Francia
  10. Germania

Dopo questi Paesi, ce ne sono altri che stanno facendo progressi verso la costruzione di un futuro più verde:

  1. Corea del Sud
  2. Belgio
  3. Irlanda
  4. Spagna
  5. Canada
  6. Polonia
  7. Italia
  8. Portogallo
  9. Giappone
  10. Costa Rica
  11. Gli Stati Uniti
  12. La Grecia
  13. Austria
  14. Ungheria
  15. Bulgaria
  16. Cina
  17. Repubblica Ceca
  18. Lussemburgo
  19. Singapore
  20. Israele

Islanda

L’Islanda è un modello di riferimento per quanto riguarda un atteggiamento positivo nei confronti dell’energia sostenibile. L’Islanda è passata dal carbone e dal petrolio alle fonti di energia rinnovabili, come i sistemi di teleriscaldamento geotermico e i progetti idroelettrici. L’Islanda è conosciuta come “la terra del fuoco e del ghiaccio” e la sua posizione geografica le consente di accedere alle fonti rinnovabili. Il Paese produce attualmente più elettricità di quanta ne consumi.

Danimarca

La Danimarca è uno dei leader del settore net-zero. Utilizza impianti di cogenerazione e l’energia eolica su larga scala. Secondo , il Paese vanta la quota più elevata di energia eolica sia nel consumo totale di energia primaria che in quello di elettricità. La Danimarca è riconosciuta a livello mondiale per l’integrazione di energia rinnovabile variabile, pur mantenendo una rete elettrica sicura.

Svizzera

Con Svezia, Norvegia e Danimarca in cima alla classifica, la regione scandinava sta guidando la rivoluzione energetica. Secondo , la Svizzera riceve il 75% dell’energia da fonti rinnovabili. Grazie a un settore energetico privo di emissioni di carbonio, principalmente nucleare e idroelettrico, la Svizzera ha una delle più basse intensità di carbonio.  

Paesi Bassi

I Paesi Bassi occupano una posizione di rilievo nel commercio energetico mondiale. La maggior parte dell’energia olandese si concentra sulla transizione verso sistemi energetici a basse emissioni di carbonio. Hanno in programma di utilizzare solo energia proveniente da fonti rinnovabili entro il 2050, ma anche, come la Danimarca, di ridurre le emissioni di gas serra del 49% entro il 2030, come ha rilevato. 

Norvegia

Secondo una nuova valutazione , la Norvegia può accelerare la riduzione delle emissioni prodotte dalla produzione di carburante, dai trasporti e dall’industria utilizzando elettricità pulita e innovazione energetica.

In Norvegia, le fonti di energia rinnovabile rappresentano la produzione, il che significa che è uno dei Paesi in cui la maggior parte dell’energia attuale proviene da fonti rinnovabili, per lo più basate sull’energia idroelettrica attiva. Per saperne di più sulle applicazioni dell’idrogeno,.

Svezia

La Svezia è e continuerà a essere uno dei primi 10 Paesi che si impegnano a favore dell’ambiente e del clima, poiché il governo sta inserendo più idee di energia ecologica nel sistema dei trasporti, nell’agricoltura, nelle infrastrutture, nel welfare e offre maggiori prospettive di lavoro.

Già nel 2021, il 54% dell’energia svedese proveniva da fonti rinnovabili. Il 75% della produzione di energia elettrica proviene dall’idroelettrico (45%), dal nucleare (30%) e più del 17% dall’eolico, secondo quanto riportato da

Il Regno Unito

Il governo britannico ha messo in atto una incentrata su politiche verdi, proposte e azioni trasversali per ridurre il numero di emissioni di carbonio. Secondo la fonte, l’obiettivo è che tutta l’elettricità del Regno Unito provenga da fonti rinnovabili entro il 2035 e che siano piantati 18 milioni di alberi entro il 2030. Negli ultimi anni, il Regno Unito ha attuato iniziative migliori, posizionandosi più in alto nella classifica.  

Finlandia 

La Finlandia ha attuato prospettive di crescita elevate per l’idrogeno verde, l’elettricità solare e l’energia eolica. Secondo i dati forniti dalla società finlandese , negli ultimi dieci anni la quota delle fonti di energia rinnovabili nel consumo energetico complessivo della Finlandia è aumentata dal 27% a circa il 36%. Secondo la Strategia Nazionale Finlandese per l’Energia e il Clima, l’obiettivo è quello di incrementare l’uso delle energie rinnovabili in modo tale che esse  rappresentino più della metà del consumo energetico totale del Paese entro la fine del 2030.

Francia

La Francia è uno dei leader mondiali in materia di clima, ma deve anche accelerare la transizione verso l’energia pulita per raggiungere i suoi obiettivi a lungo termine. Dal 2015, la Francia dispone di uno dei quadri normativi e politici più completi al mondo per lo sviluppo dell’idrogeno. Quasi il 20% del consumo totale di energia finale della Francia lo scorso anno proveniva da fonti rinnovabili, come riportato da .

Germania

La Germania è il maggior produttore di emissioni di CO2 dell’UE. Il Paese continua a generare emissioni significative rispetto ad altri grandi inquinatori dell’Unione, come Francia, Italia e Polonia, nonostante i livelli siano diminuiti di circa il 20% dal 2005, secondo il rapporto sulle emissioni di CO2. Ciò è dovuto principalmente al fatto che il carbone continua a essere una fonte energetica dominante in Germania.

Secondo , il 2022 è un anno critico per la storica transizione energetica della Germania perché segnerà l’inizio della nuova amministrazione del Paese. L’attenzione si concentra sull’attuazione di politiche climatiche ambiziose, che comprendono una più rapida eliminazione del carbone e un aumento significativo delle fonti di energia rinnovabili.

Il carbone è il combustibile fossile più sporco, che emette circa il 50% in più di CO2 rispetto al gas naturale. Per saperne di più sul gas e sul suo ruolo nella neutralità climatica .

Cina, Stati Uniti e Unione Europea sono pronti per l’energia verde?

La maggior parte delle emissioni di gas serra è solitamente prodotta dalle città più grandi. Circa il 76% delle emissioni mondiali è coperto da obiettivi netti zero stabiliti da più di 70 nazioni, tra cui i tre maggiori inquinatori: la Cina, gli Stati Uniti e l’Unione Europea, come riportato dall’organizzazione internazionale .

La Cina, gli Stati Uniti e l’UE stanno proponendo soluzioni e obiettivi per raggiungere un futuro a zero emissioni. La Cina sta per pubblicare il suo prossimo piano quinquennale e gli Stati Uniti probabilmente porteranno avanti  le promesse progressiste della campagna elettorale, come la ri-firma dell’Accordo di Parigi e la definizione di un obiettivo di zero netto per il 2050. L’UE ha presentato il suo nuovo programma di fondi strutturali.

la Cina

Secondo il , la Cina ha cinque dei più grandi impianti di produzione di energia solare e la più grande produzione di turbine eoliche. Entro il 2030, la Cina vuole che il 35% dell’energia provenga da fonti rinnovabili. 

Se la classifica riguardasse i maggiori investimenti, la Cina sarebbe al primo posto, essendo il primo investitore al mondo nel settore delle energie rinnovabili, soprattutto solare ed eolico. Anche se la Cina ha investito molto nella transizione energetica nel 2021, si colloca al di sotto dei primi 20 Paesi che sono più vicini ai loro obiettivi di fonti energetiche rinnovabili. Perché? La Cina è anche uno dei maggiori emettitori di carbonio.

Gli Stati Uniti

Secondo , il gas naturale e il petrolio continueranno a essere le fonti energetiche più utilizzate negli Stati Uniti fino al 2050. Tuttavia, l’energia rinnovabile è quella che aumenterà più rapidamente. 

Mentre le esportazioni di gas naturale trainano sempre più la produzione di gas naturale, la produzione di greggio degli Stati Uniti ha raggiunto livelli record. Il mix elettrico di carbone e nucleare è diminuito a causa della riduzione dei costi tecnologici a vantaggio dell’energia eolica e solare. Gli incentivi per l’energia eolica e solare consentono una forte concorrenza con il gas naturale per la produzione di elettricità. 

L’Unione Europea

I Paesi europei sono in cima alla classifica, poiché molte nazioni hanno messo a punto piani e strategie per raggiungere più rapidamente la neutralità del carbonio. Secondo , a livello europeo, la percentuale di energia rinnovabile sul consumo totale di energia è aumentata progressivamente dal 9,6% nel 2004 al 22,1% nel 2020, superando l’obiettivo UE del 20% di energie rinnovabili previsto per quell’anno. 

La diminuzione dell’uso dei combustibili fossili, causata dalla pandemia COVID-19, ha contribuito all’aumento della quota di energia rinnovabile nel 2020. Il nuovo obiettivo dell’UE è il 32% per il 2030; tuttavia, questo numero è  in fase di revisione e alcuni Paesi europei hanno fissato le proprie scadenze.

Conclusioni della classifica

L’industria energetica sta vivendo una rivoluzione significativa. La maggior parte dei Paesi deve concentrarsi sulla transizione energetica per fermare il cambiamento climatico e ridurre la quantità di emissioni di gas serra prodotte. Per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica è necessario attuare subito dei cambiamenti.  

Eaton ha collaborato con REA per dimostrare che, per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione, sono necessarie enormi quantità di nuove risorse flessibili. Soprattutto nelle principali economie europee: Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito. È necessario concentrarsi sull’innovazione tecnologica e sulla collaborazione intersettoriale. I mercati dovranno cambiare per incentivare gli investimenti privati in beni energetici  flessibili. Alcuni degli investimenti proposti comprendono caricabatterie per veicoli elettrici regolati in modo intelligente, batterie e accumulatori di energia termica e centri dati interattivi con la rete.

Distrelec è un distributore di soluzioni più ecologiche e fornisce ai suoi clienti ricarica EV prodotti, termocamere e alimentazione, come alimentatori e batterie. Per ulteriori informazioni sulle batterie e sulla loro importanza nella transizione energetica qui o per approfondire quanto sono utili le termocamere nel settore del solare fotovoltaico.

Total
0
Shares
Messaggio precedente
Corporate executive launching industrial internet of things-enabled AI-assisted predictive maintenance of an offshore site. Concept for IIoT, IoT, digital twin, and digital resilience in the energy sector.

I paesi che investono di più nella manutenzione predittiva

Messaggio successivo

Soluzioni di bioedilizia per un futuro sostenibile

Pubblicazioni simili